“Sono disperata per il lavoro”. E’ l’ultimo, disperato messaggio rivolto ad un’amica prima di togliersi la vita dandosi fuoco nel giardino di casa, situato nella periferia nord della città stabiese. Dietro la morte di Teresa Ranieri, la 32enne vittima di un gesto estremo venerdì scorso, potrebbero esserci problemi di lavoro. Motivi dunque legati alla crisi economica, provocati dall’interminabile emergenza Covid. I magistrati della Procura della Repubblica di Torre Annunziata hanno aperto un’inchiesta, disponendo il sequestro di smartphone e pc della giovane donna di Castellammare.



A far riaprire il caso è stata Libera Cesino, avvocato della famiglia della povera Teresa. E nelle ultime ore è emerso questo terribile, drammatico messaggio ancora salvato sul suo smartphone, che testimoniava una condizione di lavoro quanto mai precaria. Teresa diceva di essere “disperata per il lavoro”, rivolgendosi ad una sua amica. E adesso gli inquirenti cercano una traccia della sua vita privata, per approfondire il contesto in cui sia maturato il gesto della disperazione della giovane vittima. Con il trascorrere delle ore, tuttavia, si fa sempre più strada che Teresa Ranieri possa essere l’ennesima vittima di una cattiva gestione dell’emergenza pandemica da parte delle autorità politiche e istituzionali. “Io confido nella Procura che faccia un lavoro approfondito – afferma l’avvocato Cesino – per fare completa chiarezza sui dubbi di questa famiglia in relazione a questa tragedia che desta tante perplessità”.



Teresa Ranieri non ha lasciato alcuna lettera per spiegare il gesto e, soprattutto, senza motivi di cui qualche parente potesse essere a conoscenza. Negli ultimi tempi ha lavorato in una struttura turistico – ricettiva di Castellammare, ma la crisi imposta dal Covid ha arrecato notevoli difficoltà di ripresa. Un’altra tragedia immane dunque, per questa onesta e laboriosa famiglia stabiese. Appena due anni fa anche il fratello di Teresa si tolse la vita, lasciando due figli. I funerali della 32enne si svolgeranno questa mattina a Castellammare, nella chiesa dell’Annunziatella. Venerdì scorso la tragedia. Teresa il giorno prima era andata anche dal parrucchiere, non aveva destato nessun segnale di smarrimento. Teresa Ranieri fu trova dalla mamma, avvolta dalle fiamme, nel giardino di casa. Fu proprio la madre ad allertare i soccorsi. La giovane donna è stata portata in ambulanza, scortata dalla polizia, fino all’ospedale Cardarelli di Napoli, dove morì nel tardo pomeriggio.



Share