Nella giornata del 2 febbraio il ministro dell’ Ambiente Sergio Costa è stato a Pomigliano d’Arco, accompagnato dal vicepresidente  del Consiglio regionale Valeria Ciarambino e dal deputato Salvatore Micillo per consegnare trenta telecamere anti roghi al sindaco Del Mastro.


Le 30 telecamere fanno parte delle 500 date in dotazione dal Ministero dell’ Ambiente per tutti i comuni che fanno parte del terribile perimetro della terra dei fuochi. Queste andranno a sostituire alcune telecamere non funzionanti delle 130 già esistenti sul territorio, che vigilano le aree a rischio e che hanno già ridotto del 50 percento gli sversamenti illeciti da parte degli ecocriminali.

Dalla nuova centrale operativa i caschi bianchi del Comandante Luigi Maiello vigileranno le aree a rischio grazie ad un costante controllo dalle postazioni del centro operativo. Non a caso, come dichiara il sindaco Del Mastro, nelle linee programmatiche dell’amministrazione è previsto un nuovo piano d’assunzioni per incrementare le unità della polizia municipale da impegnare nella lotta contro gli ecocriminali.


Il Ministro Costa ha spiegato che visto il risultato positivo della dotazione delle telecamere ai comuni della terra dei fuochi, a breve verranno acquistati e donati anche dei droni. Oltre all’utilizzo di questi strumenti per individuare gli ecocriminali, per valorizzare l’aspetto economico del riciclo dei rifiuti, si è chiesto il supporto alle filiere dei consorzi di gestione rifiuti per la realizzazione di isole ecologiche e per gestire la raccolta differenziata supplementare che sono alla base della trasformazione e riutilizzo dei rifiuti.

Cinzia Porcaro



Share