Nell’anticipo d’ora di pranzo della seconda giornata del girone di ritorno di Serie A i sanniti impattano per uno a uno contro i blucerchiati e conquistano il quarto pareggio casalingo. Mister Inzaghi effettua tre cambi rispetto alla debacle di ‘San Siro’ con Tuia al posto di Caldirola, Schiattarella in mediana che rileva l’assenza dello squalificato Hetamaj e Insigne nel reparto avanzato. La prima frazione di gara si mantiene decisamente equilibrata con poche occasioni da gol e coi doriani che ci provano di più ma senza grossi sussulti. All’11’ Ionita ci prova da fuori area con un tiro destro a esce a fil di palo. Alla mezzora cross di Jankto in area, Montipò respinge di pugno e palla che arriva sui piedi di Thorsby che non riesce a finalizzare in rete perché l’estremo difensore locale lo anticipa e para in due tempi. Al 42’ punizione di Candreva dalla corsia sinistra per il centrocampista danese che spizza di piede in area ma il numero uno locale para senza problemi.

Dopo tre giri di lancette Keita servito da Augello, tira a botta sicura di destra ma Montipò devia in angolo con un gran guizzo. Al 46’ Caprari si invola in area, si accentra e il suo tiro destro viene deviato in corner dalla scivolata di Colley. Il primo tempo termina a reti inviolate. La ripresa si apre coi sanniti che vanno in vantaggio ma vengono raggiunti dal pareggio nei minuti finali. Al 50’ Lapadula serve in area Caprari che di piatto destro sfiora il gol dell’ex calciando da buona posizione a fil di palo. Dopo cinque minuti di orologio l’attaccante giallorosso non perdona e servito da Barba, da posizione defilata tira sul palo di Audero che si fa beffare dalla conclusione, sigla il vantaggio dei padroni di casa e il suo quinto sigillo in campionato. I blucerchiati non ci stanno e reagiscono subito con un tiro-cross in area di Candreva ma Montipò respinge coi pugni. Al 61’ Jankto crossa in area, Barba anticipa Torregrossa e devia in scivolata in angolo sventato pericolo. Dopo sessanta secondi Caprari serve Lapadula che si accentra in area e di diagonale da ottima posizione si fa deviare conclusione dal piede destro di Audero.

Al 63’ Silva serve Jankto che tira addosso al numero uno locale che in uscita bassa devia in corner. Alla mezzora contropiede sannita con Improta che serve Lapadula che solo davanti alla porta si fa ipnotizzare dall’estremo difensore ospite che in uscita avventata para in due tempi. Al 71’ il subentrato Viola serve l’attaccante peruviano in area che in scivolata uncina la conclusione sbagliando da posizione favorevole. Dopo tre giri di lancette corner di Thorsby per Torregrossa che si aggiusta la palla in area, tira di destro ma trova la deviazione di piedi di Barba, l’azione prosegue con Jankto che serve Damsgaard che crossa in area ma Montipò respinge coi pugni rilanciando in fallo laterale. Dopo vari tentativi il forcing blucerchiato si concretizza al 79’ su corner del centrocampista ceco, rilancio di testa di Glik, la palla arriva sui piedi del subentrato Verre che serve Damsgaard che si invola in area, dribbla facilmente De Paoli e serve a Keita un assist al bacio che batte Montipò in spaccata e sigla il gol del pareggio. A quattro minuti dal termine del match Schiattarella recupera palla a centrocampo e serve Sau che da ottima posizione si divora il gol del raddoppio calciando alto di poco sopra la traversa. Al 92’ l’ultimo brivido in area sannita lo procura Yoshida che svetta di testa su corner di Damsgaard ma si fa deviare conclusione dall’intervento di nuca di Glik.

La gara termina col quinto pareggio ottenuto in campionato dai sanniti che si portano al quattordicesimo posto in graduatoria a quota 23 punti e con la distanza dalla zona calda che resta invariata di otto lunghezze. Le tante occasioni avute in area di rigore, dopo il gol del vantaggio, sui piedi di Lapadula e fallite e sprecate in mal modo da quest’ultimo che si è mostrato non cinico sotto porta e la prova incolore di De Paoli che nell’azione del pareggio ospite ha peccato un po’ di ingenuità facendosi saltare lievemente da Damsgaard sono accorgimenti da limare e non ripetere più perché il girone di ritorno si preannuncia pieno di insidie e va affrontato senza sbavature difensive ed offensive. La gara con la Doria ha evidenziato anche il positivo atteggiamento offerto in campo dagli uomini di mister Inzaghi dopo le ultime scialbe quattro prestazioni e il ritorno al gol di Caprari dopo oltre un mese (l’ultimo siglato ad Udine prima di Natale). Questi spunti positivi conditi dalla speranza di una futura solidità difensiva sono da tener conto per la compagine sannita che proverà a metterli in gioco nella prossima gara in programma venerdì 12 nell’anticipo delle ore 20,45 allo stadio ‘Dall’Ara’ contro il Bologna di Mihajlovic, un vero e proprio test per entrambe le squadre appaiate in graduatoria con gli stessi punti e con i sanniti che tenteranno di bissare il successo dell’andata.

Adriano Napoli

Donazione sostieni il Gazzettino Vesuviano
Condividi
PrecedentePompei coronavirus, contagi in continuo aumento: 22 nuovi positivi
SuccessivoIn attesa di un’estate Covid-free: allo studio un piano vaccinale per il comparto turistico
Il giornale “il Gazzettino vesuviano”, fondato nel 1971 da Pasquale Cirillo e attualmente diretto da Gennaro Cirillo, si interessa principalmente delle tematiche legate al territorio vesuviano e campano; dalla politica locale e regionale, a quella cultura che fonda le proprie radici nelle tradizioni ed è alla base delle tante associazioni e realtà che operano sul territorio.Siamo impegnati a garantire la massima qualità e la massima integrità nel nostro lavoro giornalistico. Ci impegniamo a mantenere alti standard etici e professionali, evitando qualsiasi conflitto di interesse che possa compromettere la nostra indipendenza e la nostra imparzialità.Il nostro obiettivo è quello di fornire ai nostri lettori notizie e informazioni affidabili su una vasta gamma di argomenti, dalle notizie di attualità ai reportage approfonditi, dalle recensioni ai commenti e alle opinioni. Siamo aperti a suggerimenti e proposte dai nostri lettori, e ci impegniamo a mantenere un dialogo aperto e costruttivo con la nostra community.