L’Ordine dei Medici di Napoli ha conferito nei giorni scorsi l’onorificenza al medico stabiese Giovanni Tommasino, tra i 34 eroi che hanno combattuto in prima linea senza mai abbandonare i pazienti, mettendo a repentaglio la loro vita per salvare vite altrui.


“La medaglia d’oro al nostro concittadino è un meritato riconoscimento ad un uomo che ha fatto del suo lavoro una missione, ad un amico con cui ho condiviso il desiderio di contribuire al bene della città”. Così il primo cittadino di Castellammare di Stabia nel ricordare ancora una volta la figura e l’alto profilo, umano e professionale del medico e del politico Giovanni Tommasino, sconfitto dal coronavirus lo scorso 4 aprile.

“Il mio pensiero – ha aggiunto Cimmino – oggi va alla sua famiglia, che ha ritirato la medaglia d’oro in suo ricordo. A lui abbiamo deciso di dedicare una stanza a Palazzo Farnese, per il suo impegno politico e sociale a tutela dei cittadini”.


“Non uscite, è l’unica arma che avete, non potete immaginare quanto è brutto” aveva scritto sui social poco prima dell’aggravarsi delle sue condizioni. “Un messaggio che trasferisco nuovamente ai tanti incoscienti, che ancora oggi non hanno compreso la gravità della situazione. Rispettare le regole  – ha concluso il sindaco – vuol dire rispettare se stessi e i propri cari. E vuol dire rispettare tutti quelli che, a causa del Covid, combattono ogni giorno in un letto di ospedale o hanno perso la vita”.

Share