Tornano ad aumentare i contagiati e sale nuovamente anche il tasso di positività.

Circa duemilacinquecento tamponi in più di ieri. Oggi quelli lavorati sono stati 24.368 (di cui 4.234 antigenici), i positivi risalgono e arrivano a 2.561  (di cui 352 casi identificati da test antigenici rapidi). Gli asintomatici risultano essere 2.030, mentre calano lievemente  i positivi che accusano i sintomi del Covid e oggi sono 179. Come sempre questi ultimi dati si riferiscono ai soli positivi al tampone molecolare.


In relazione ai dati regionali, quindi, il rapporto tra i tamponi processati e i positivi riscontrati ritorna nuovamente sui suoi passi, questa volta in salita. Il tasso di positività si attesta al 10,50%, mentre ieri era al 9,74%.

I contagi in Campania negli ultimi 10 giorni:

Giovedì 18 febbraio         –  8,20%  – 1.616 contagiati
Venerdì 19 febbraio         –  8,02%  – 1.677 contagiati
Sabato 20 febbraio          –  8,18%  – 1.658 contagiati
Domenica 21 febbraio      –10,83%  – 1.202 contagiati
Lunedì 22 febbraio           –  9,53%  – 1.436 contagiati
Martedì 23 febbraio          –10,22%  – 2.185 contagiati
Mercoledì 24 febbraio       –10,08%  – 2.385 contagiati
Giovedì 25 febbraio          –11,23%  – 2.519 contagiati
Venerdì 26 febbraio          –  9,74%  – 2.215 contagiati
Sabato 27 febbraio           –10,50%  – 2.561 contagiati

 



Nei Reparti Covid dedicati sale il numero dei degenti. La riserva è di 1.819 posti letto disponibili in Campania. Dopo la risalita degli ultimi giorni, è calato il numero dei ricoverati in terapia intensiva. Rispetto alla dotazione complessiva di 656 posti letto ne restano disponibili 510.

Situazione Clinica

Il totale dei positivi è di 267.619 (di cui 6.102 antigenici) da inizio pandemia in Campania, mentre il totale dei tamponi eseguiti è arrivato a 2.935.448 (di cui 108.045 antigenici)​.

I guariti registrati nel report quotidiano sono 524. Con quelli odierni coloro che hanno battuto il virus in Campania giungono a 186.318.

Calano le vittime e oggi sono 5, di cui 4 deceduti nelle ultime 48 ore, 1 deceduto in precedenza ma registrato ieri. Con le vittime odierne giungono a 4.278 quelle campane da inizio pandemia. Sono 3.813 i decessi dal primo ottobre in Campania.

I positivi con sintomi Covid ricoverati negli ospedali campani oggi sono 1.341, rispetto a ieri 40 in più. Sono 130 le persone ricoverate in Terapia Intensiva, 8 in meno rispetto a ieri e con 5 nuovi ingressi nelle 24 ore.

Il numero delle persone attualmente positive oggi aumenta di 2.032 unità e risulta essere di 77.023, aumenta di 2.000 unità anche il numero delle persone in isolamento domiciliare che oggi sono 75.552.


Grafici elaborati da Giuseppe Velardo

Questi i dati del contagio provincia per provincia:

– Provincia di Napoli        :  158.976     (+910)   
– Provincia di Salerno      :    40.853     (+354)                            
– Provincia di Avellino     :    11.781      (+150)              
– Provincia di Caserta      :    44.112     (+291)
Provincia di Benevento :      6.958       (+21)                                     

Il dato riferisce il riepilogo diffuso dalla Protezione Civile comprendente anche casi già noti ma solo ora confermati. Non sono riportati ulteriori casi in attesa del secondo tampone di conferma.

Il contagio in Italia

Sono 17.455 i test positivi al coronavirus registrati in Italia in 24 ore, secondo i dati del ministero della Salute. Sabato i positivi erano stati 18.916.

Le vittime sono invece 192, in calo rispetto alle 280 del giorno prima.

Effettuati 257.024 i test (molecolari e antigenici), in calo rispetto ai 323.047 di ieri. Il tasso di positività è al 6,8%, in aumento rispetto al 5,8% di sabato.

Si avvicinano a quota tre milioni i casi di Covid in Italia: sono 2.925.265, considerato l’ultimo incremento di 17.455 nuovi positivi.

Intanto il nuovo Dpcm sulle misure per il contenimento del covid dovrebbe essere definito tra lunedì e martedì prossimi. E’ quanto sottolineano fonti di governo interpellate al riguardo. Prima della firma del premier Mario Draghi del nuovo decreto presidenziale ci potrebbero essere altre riunioni tecniche per completare alcuni passaggi che consentiranno di chiudere il pacchetto delle nuove norme. E la conferenza delle Regioni, a quanto si apprende, ha inviato sabato il parere definito “interlocutorio” al Dpcm che il governo ha in programma di emanare. Da parte delle Regioni, viene dunque spiegato, non sarebbero emersi dei paletti o motivazioni che impedirebbero il via libera al testo.

Share