Il Napoli pareggia al Mapei Stadium di Reggio Emilia con il Sassuolo. Finisce 3-3 in una partita che ha dell’incredibile. Nel primo tempo vanno in vantaggio i neroverdi con l’autogol di Maksimovic, Zielinski riesce subito a pareggiare, ma il rigore di Berardi riporta i suoi avanti. Nella ripresa Di Lorenzo e Insigne, ap 90′ con un altro rigore, ribaltano la situazione. Sembra finita, ma ben oltre la fine del recupero il Sassuolo riceve il terzo penalty della gara, trasformato da Caputo.


Gli azzurri hanno subito il buon possesso palla avversario nella prima frazione di gioco, riuscendo raramente a trovare gli spazi per tentare di creare azioni offensive. È stata invece positiva per lunghi tratti la fase difensiva: le due reti sono infatti arrivate con un’autorete sfortunata e con l’errore individuale di Hysaj che ha commesso fallo su Caputo in area. Il secondo tempo ha invece visto la crescita del Napoli, che ha alzato il baricentro ma ha anche rischiato enormemente sulle ripartenze degli uomini di De Zerbi, che hanno colpito un palo e una traversa in tempo ravvicinato. Dopo il pareggio di Di Lorenzo, l’unico grave errore della retroguardia emiliana aveva dato la possibilità a Fabian di mettere a referto il 3-2, ma lo spagnolo ha tirato sulle mani di Consigli. Poi il tragicomico epilogo con il doppio rigore nei minuti finali e il definitivo pareggio.


Promossa la prova di Insigne, che ha preso per mano la squadra nel momento di massima difficoltà, cioè dopo i due legni, e ha creato diversi grattacapi ai difensori del Sassuolo, su tutti l’assist per il 2-2. Bene anche Di Lorenzo, che oltre il gol ha spinto molto sulla fascia, portandosi spesso in zona cross e guadagnandosi il rigore dell’illusorio vantaggio.

Da censurare invece la serata di Hysaj, che è parso spesso in ritardo sulla sua corsia e che ha sulla coscienza il fallo da rigore su Caputo nei primi quarantacinque minuti, e di Maksimovic, autore del vantaggio avversario e molte volte in difficoltà nella costruzione dal basso. Male anche Manolas, subentrato proprio a Maksimovic e che ha ingenuamente regalato il pareggio a tempo ampiamente scaduto.


Il successo è quindi sfuggito dalle mani di Gattuso proprio in extremis, ma è comunque arrivato il primo risultato utile in trasferta dopo tre KO consecutivi. In attesa della conclusione del turno infrasettimanale, sono due i punti di distacco dall’Atalanta quarta. Il prossimo impegno in calendario è fissato per domenica, quando a Napoli arriverà il Bologna di Sinisa Mihajlovic.

Salvatore Emmanuele Palumbo



Donazione sostieni il Gazzettino Vesuviano