Lentamente, come dicevamo ieri, ma nemmeno poi tanto lentamente oggi, il tasso di positività è ritornato più che abbondantemente sopra l’undici per cento. Il tutto in vista di giornate altamente a rischio che potrebbero causare veramente un tragico passo a ritroso riportando la Campania, ma anche tutta la nazione in una recrudescenza della crisi epidemica che, proprio nessuno si augura.

Allo stesso tempo, intanto, il premier Draghi ha deciso di aprire le scuole di tutta l’Italia proprio tra una settimana, bloccando la decisone del Governo e impedendo a Regioni e Comuni la possibilità di tenere chiusi gli istituti scolastici nelle aree che presentino un rischio più elevato. E allora tutti a scuola e, come si dice da noi, “‘a bona ‘e Dio“.




I tamponi molecolari effettuati nella giornata di ieri e riportati nel bollettino odierno sono stati 19.536. I nuovi positivi riscontrati sono 2.258, sempre esclusivamente derivanti dai test molecolari. Negli ultimi dieci giorni sono stati registrati dall’Unità di Crisi 20.127 casi.

Gli asintomatici risultano essere 1.524, mentre i positivi che accusano i sintomi del Covid, risultano essere 734. Dati sempre riferiti ai soli positivi al tampone molecolare.

Anche nel bollettino odierno sono riportati i tamponi antigenici rapidi effettuati, che sono stati 4.199, sempre senza gli eventuali positivi riscontrati da questi test.




Dall’incrocio dei dati odierni, ovviamente solo su quelli dei tamponi molecolari, il tasso di positività, il rapporto tra tamponi lavorati e positivi riscontrati, sale al 11.55%. Ieri era al 10,51%, oltre un punto percentuale in più.

I contagi in Campania negli ultimi 10 giorni:

Lunedì 22 marzo          –10,29%  – 1.862 contagiati
Martedì 23 marzo         – 9,68%   2.045 contagiati 
Mercoledì 24 marzo      – 9,95%   – 2.068 contagiati
Giovedì 25 marzo         –10,46%  1.947 contagiati
Venerdì 26 marzo         –11.01%  – 2.209 contagiati 
Sabato 27 marzo          –11,42%  – 2.095 contagiati
Domenica 28 marzo      –11.68%  – 1.169 contagiati
Lunedì 29 marzo           –10,28%  1.573 contagiati
Martedì 30 marzo          –10,51%  2.016 contagiati
Mercoledì 31 marzo       –11,55%  – 2.258 contagiati

 

 



Negli ospedali è stabile il numero dei ricoverati in terapia intensiva. Rispetto alla dotazione complessiva di 656, sono oggi disponibili sempre 496 posti letto sull’intera rete ospedaliera.

Sostanzialmente stabile anche il dato sui degenti nei reparti ospedalieri dedicati al Covid. La riserva di posti letto resta di 1.574 sui 3.160 disponibili in ambito regionale, sommando strutture pubbliche e private convenzionate.

Situazione Clinica

Il totale dei positivi è di 339.547, da inizio pandemia in Campania, mentre il totale dei tamponi eseguiti è arrivato a 3.631.249.

I guariti registrati nel report quotidiano sono 2.571. Con quelli odierni coloro che hanno battuto il virus in Campania giungono a 241.380.

Sono 55 i morti, di cui 23 deceduti nelle ultime 48 ore, 15 deceduti in precedenza ma registrati ieri. Con le vittime odierne il numero dei campani sconfitti dal coronavirus arrivano a 5.418 da inizio pandemia. Sono 4.220 i decessi dal primo ottobre 2020 in CampaniaNegli ultimi 11 giorni oltre cinquecento le vittime, 521 i campani morti.

I positivi con sintomi Covid ricoverati negli ospedali campani oggi sono 1.586, rispetto a ieri, 1 in meno. Sono sempre 160 le persone ricoverate in Terapia Intensiva, ma con 20 ingressi nella giornata: quanti i guariti e quanti i decessi? Al momento non è dato sapere.

Il numero delle persone attualmente positive oggi calano di 368 unità, segnando un totale di 92.749, cala di 367 unità anche il numero delle persone in isolamento domiciliare che oggi sono 91.003.

Grafici elaborati da Giuseppe Velardo




Il contagio in Italia

Sono 23.649 i positivi al test del coronavirus in Italia nelle ultime 24 ore, secondo i dati del ministero della Salute. Ieri erano stati 23.904.

Sono invece 501 le vittime in un giorno (ieri 467).

Sono 356.085 i tamponi molecolari e antigenici per il coronavirus effettuati nelle ultime 24 ore in Italia, secondo i dati del ministero della Salute. Ieri i test erano stati 351.221. Il tasso di positività è del 6,6%, in calo dello 0,2% rispetto a ieri, quando era al 6,8%.

Sono 3.681 i pazienti ricoverati in terapia intensiva per Covid in Italia, 29 meno di ieri nel saldo giornaliero tra entrate e uscite – terzo giorno consecutivo di calo -, mentre gli ingressi giornalieri in rianimazione, secondo i dati del ministero della Salute, sono 244 (283 ieri). Nei reparti ordinari sono invece ricoverate 28.949 persone, in calo di 231 unità rispetto a ieri.

In totale i casi da inizio epidemia sono 3.607.083, i morti 109.847. Gli attualmente positivi sono 563.479 (+971 rispetto a ieri), i guariti e dimessi 2.933.757 (+20.712), in isolamento domiciliare ci sono 530.849 persone (+2.462).

Ieri, 31 marzo, intanto sono state somministrate in Italia 282.158 dosi di vaccino anti-Covid, il massimo in un giorno da inizio campagna, più vicino all’obiettivo di 300 mila somministrazioni al giorno fissato nel piano nazionale per la fine di marzo. E’ quanto si evince dai dati del ministero della Salute.



Share
Condividi
PrecedenteAbiti eleganti, il must di stagione per le cerimonie
SuccessivoGiuseppe Greco confessa. Fu duplice omicidio, speronò la moto
avatar
Il settimanale “Il Gazzettino vesuviano” fondato nel 1971 da Pasquale Cirillo, si interessa delle tematiche legate al territorio vesuviano; dalla politica locale e regionale, a quella cultura che fonda le proprie radici nelle tradizioni ed è alla base delle tante realtà che operano sul territorio.