“Sul Monte Faito è in atto da troppo tempo una diatriba tra sindaci dei comuni territorialmente interessati, affinché la metà della gestione, quella nella proprietà della Città Metropolitana di Napoli, non sia ceduta al Comune di Vico Equense. Il tema principale resta quello di una gestione unitaria, l’unica che potrebbe garantire una concreta pianificazione in direzione di un rilancio del Faito, in termini di tutela paesaggistica ma anche di ricaduta turistica. Ed è per questo che da tempo chiediamo che la Regione, proprietaria del restante 50%, valuti l’acquisizione dell’altra metà.



Un’ipotesi accolta con favore e rilanciata anche da altre parti, sia politiche che civiche, e rispetto alla quale ho voluto interrogare in aula la giunta regionale, per capire se ci fosse volontà politica di prendere in esame una proposta che è diventata un coro quasi unanime di amministrativi e cittadini”. Così il consigliere regionale del Movimento 5 Stelle, Luigi Cirillo, nel corso del question time.

“Ci dispiace aver dovuto registrare un’assoluta non risposta del delegato di giunta in aula – ha proseguito Cirillo – che si è limitato a elencare le tempistiche e le procedure di ordine tecnico e burocratico per un eventuale iter di acquisizione delle quote della città metropolitana. Dalla Regione Campania ci aspettiamo, piuttosto, un segnale concreto a richieste legittime cdi cittadini e amministratori locali, che hanno a cuore il destino di uno dei siti più belli del territorio regionale”.



Share