Il Napoli reagisce alla sconfitta patita in settimana con la Juventus con il successo a Marassi. Gli azzurri battono la Sampdoria per 2-0, con le reti, una per tempo, di Fabian Ruiz e Osimhen. La classifica al momento sorride agli azzurri per via del sorpasso effettuato sull’Atalanta per il quarto posto, ma i nerazzurri stasera affronteranno la Fiorentina e in caso di successo ci sarebbe il controsorpasso. Da registrare le vittorie anche di Milan e Juventus, che restano rispettivamente a quattro e tre punti davanti al Napoli.

La gara non è stata tra le più spettacolari, ma ha visto un Napoli in palla e ottimamente messo in campo dal primo minuto. Le difficoltà per la difesa sono state ben poche, nonostante lo spauracchio Quagliarella, abituato a dare dispiaceri ai suoi ex tifosi.


La rete da fuori area di Fabian, su assist di Zielinski, ha suggellato la buona prova partenopea del primo tempo. Nella ripresa il Napoli ha sfiorato per diverse volte il raddoppio (miracoloso Audero nel doppio intervento in pochi secondi su Fabian e Insigne), ma il gol era arrivato per i blucerchiati con Thorsby, rete poi annullata dall’arbitro dopo aver consultato il VAR per fallo di Keita Balde su Ospina nel momento del colpo di testa di Thorsby. Osimhen a pochi minuti dal novantesimo chiude i conti, riuscendo ad avere la meglio su Yoshida in velocità e trafiggendo Audero sul primo palo.


E proprio Osimhen è stato protagonista di un match positivo. Il suo duello con Colley è stato senza esclusione di colpi e entrambi hanno messo in campo il loro meglio. L’attaccante nigeriano sta implementando il suo bagaglio tecnico, aggiungendo alla velocità e all’esplosività fisica l’ottima copertura del pallone, la possibilità di far salire la squadra e il fraseggio con i compagni.

Promossi anche due giocatori che troppo spesso sono stati criticati per le indubbie partite a vuoto di cui sono stati protagonisti in questi mesi, ma che con il giusto tempo per rifiatare e sul lungo periodo hanno fatto vedere la loro importanze per gli equilibri del Napoli. Parliamo di Fabian Ruiz e Giovanni Di Lorenzo. Lo spagnolo oggi ha siglato la seconda rete del suo campionato, ma è stato rilevante anche nel palleggio azzurro e sta dando dimostrazione di poter dire la sua al centro del campo.


Di Lorenzo dal canto suo sta risalendo nella qualità delle prestazioni ed è oggettivo che sia il miglior interprete del ruolo di terzino nelle fila partenopee. Sulla sinistra infatti, dopo la brutta gara di Hysaj contro la Juventus, anche Mario Rui ha presentato tutti i suoi limiti ed è chiaro che sia necessario un innesto a fine stagione sulla fascia mancina della difesa.

La prossima settimana sarà una delle più decisive per il destino della zona Champions della Serie A. Il Napoli domenica sera al Maradona se la vedrà non con un avversario qualunque, la capolista Inter, che si sta avviando a vincere lo scudetto. E in quello stesso giorno a Bergamo assisteremo allo scontro diretto tra Atalanta e Juventus, che tanto potrà dire anche sulle possibilità di qualificazione alla Coppa Campioni per gli azzurri.

Salvatore Emmanuele Palumbo



Share