Siamo in tempo di pandemia, ma il calcio va avanti ed anche il Savoia appare rivitalizzato dal “vaccino Ferraro” e gli effetti cominciano a vedersi anche se è presto per inneggiare agli osanna.

Qualcosa di nuovo appare alla vista dei suoi fanatici fans, per esempio, dopo l’ubriacatura di reti offerte al Latina, si è passati al Muravera, dove, sul 3 a 1, non ci si è chiusi in difesa ma con mosse oculate e grande concentrazione s’è cercato il quarto goal. Si è così voluto evitare il finale di gara del Giraud, quando sul 4 a 1 s’è passati ad un finale al cardiopalma e c’era da temerlo, data la caratura dell’avversario ormai rassegnato.


Nel dispiacermi per l’allenatore dei cari avversari (non nemici) nocerini che si accontentava di stare un punto sopra il Savoia, spero possa rassegnarsi anche lui… perdonatemi ma anche questo fa parte del calcio, un sano sfottò senza malizia, ma con una risatina sfiziosa.

Ma torniamo alla gara di ieri dove si sono riviste tante cose belle a cominciare dalla combattività di tutti, ma consentitemi di fare un plauso al nostro Caso Naturale che non solo ha subito sbloccato il risultato, ma ha cantato e portato la croce per tutta la gara in ogni parte del campo.


Ovviamente è molto piaciuta la doppietta di De Rosa che conferma sempre di più la sua validità e duttilità, ma il plauso va a tutta la squadra che ha voluto questa vittoria anche se ancora in “cocozza”, ma va bene anche così.

Dove arriveremo? Cosa faremo? Non si sa, la sola cosa concreta è il comandamento del mister che insiste nel incitare la squadra a giocare come se le partite fossero tutte delle finali ed anche oggi 3 goal seppure mancassero i goleador ed altri calciatori.


Mannaggia si ce fossem scetat primm… Si stavolta devo darti ragione, ma nel frattempo stiamo combattendo per arrivare quanto più in alto possibile, poi si vedrà.

Lo sappiamo che nel calcio possono succedere tante cose e chissà se qualcosa possa arridere anche al Savoia, altrimenti si preparerà la squadra per l’anno prossimo, di certo non meritiamo questa serie, poi…

Ernesto Limito



Share