Partita rocambolesca ed emozionante al “Liberati” con la Juve Stabia che batte in zona Cesarini la già promossa Ternana per 4-3, infliggendole la seconda sconfitta della stagione e la prima in casa.

Un match che per l’andamento ha ricordato Italia-Germania del Mondiale del 1970. Le vespe sono andate due volte in vantaggio con Fantacci e Orlando e sono state riprese dai gol di Suagher e Raicevic, lo stesso Raicevic realizza il gol del successivo vantaggio ternano, poi Berardocco realizza il 3-3 su rigore e nel recupero la Juve Stabia mette la freccia con il 4-3 per un autogol di Salzano, con gli stabiesi anche in dieci uomini per l’espulsione di Garattoni nel finale.


All’interno di questo canovaccio tante altre emozioni che hanno lasciato il bilico il risultato fino alla fine. Questa é la nona vittoria esterna di fila della Juve Stabia che migliora il record per la categoria. La Juve Stabia aggancia così il quinto posto a 61 punti in classifica e incontrerà la Casertana (decima in classifica) domenica prossima al Menti nella sfida secca dei play off. C’é però da dire che mercoledì ci sarà la sentenza per il ricorso dei due punti per il Catania (ora a 59) per irregolarità amministrative: nel caso i punti fossero restituiti agli etnei, il Catania sarebbe quinto al pari della Juve Stabia a 61 punti ma con gli scontri diretti a favore e quindi la Juve Stabia scivolerebbe al sesto posto sesta e incontrerebbe il Foggia (nona), sempre al Menti in sfida secca.

Juve Stabia con il 3-4-3 con molto turn over da parte di mister Padalino: ritorna tra i pali Russo dopo infortunio di un paio di mesi fa, in difesa c’é Esposito sulla destra, a centrocampo rientrano Suciu e Garattoni, in attacco tridente con Borrelli-Marotta e Fantacci. Partono dalla panchina Berardocco, Scaccabarozzi e Olrando.


Ternana con il 4-2-3-1: in attacco c’é il bomber Vantaggiato, supportato dal trio delle meraviglie Partipilo-Falletti-Furlan, fuori invece Proietti, mister Lucarelli lancia Salzano dal primo minuto. Tra i pali Casadei sostituisce il titolare Iannarilli. La Ternana gioca con le maglie storiche (bianca con bada trasversale rosso-verde) della gloriosa formazione umbra del 1967-68.

La prima occasione gol é per la Ternana che al 3’ con Falletti impegna severamente Russo su punizione diretta, decentrata sulla sinistra, dai 25 metri. Match di buona intensità nel primo dieci minuti con le due compagini che si affrontano a viso aperto.

Al 12’ passa in vantaggio la Juve Stabia : ripartenza veloce dei gialloblù con lancio di Borrelli, Kontek sbaglia la chiusura a centrocampo, ne approfitta Fantacci che se ne va, rientra sul sinistro in area dei rossoverdi e infila Casadei sulla sua sinistra.


La Ternana non ci sta al 18’ si rende pericolosa con una sontuosa azione di Partipilo che in area stabiese fa partire un diagonale che finisce di poco a lato, anche perché deviato da un difensore stabiese in chiusura.

Al 21’e’ ancora Fantacci per la Juve Stabia in rovesciata a creare scompiglio in area umbra.

Al 30’ rigore per la Ternana per un fallo in area di Elizalde su Partipilo: sul dischetto Falletti si fa ipnotizzare da Russo che para il penalty sulla sua sinistra, deviando in corner.

Al 38’ ripartenza della Ternana sul versante sinistro, Falletti entra in area ma il suo tiro in diagonale si spegne di poco a lato. La Ternana spinge alla ricerca del pari e costringe la Juve Stabia a rinculare, ma le vespe riescono ad arginare efficacemente gli attacchi delle fere. Il primo tempo termina sul punteggio di 1-0.



Ad inizio ripresa al 2’ ci prova Vallocchia con una gran sinistro dai 25 metri che lambisce il palo alla destra di Casadei.

Al 14’ pareggio della Ternana con Suagher che anticipa Troest, ostacolando il difensore gialloblù, in area e segna beffando Russo.

Al 17’ ancora Juve Stabia in gol: il portiere Casadei sbaglia il rinvio, intercetta la palla il neo entrato Orlando che insacca.

Al 24’ pari della Ternana: cross dalla destra di Partipilo e testa di Raicevic che segna.

Al 31’ vantaggio Ternana: topica di Russo per un appoggio sbagliato in area, intercetta Raicevic che segna il 3-2.

Al 35’ Garattoni viene ostacolato in area, sembra rigore per le vespe ma l’arbitro lo ammonisce per simulazione e lo spedisce fuori essendo gia’ stato ammonito in precedenza.

Al 41’ gol della Juve Stabia con Berardocco che trasforma un rigore assegnato per fallo di Peralta su Cernigoi.

Al 43’ palo della Ternana con Falletti. Il finale e’ thrilling: nel recupero Juve Stabia in vantaggio per autogol di Salzano al 48’ ,nel tentativo di anticipare Orlando in area, per il 4-3 definitivo per i campani.



Tabellino

Ternana (4-2-3-1): Casadei 4.5; Defendi 5.5 Boben 5.5 (11’ st Proietti 5.5) Kontek 5.5 Celli 5.5 (38’ st Peralta 5.5); Paghera sv (20’ pt Suagher 7) Salzano 5; Partipilo 7 (37’ st Russo sv) Falletti 6 Furlan 6; Vantaggiato 5.5 (11’ st Raicevic 7.5). All.: Lucarelli 6.

Juve Stabia (3-4-3): Russo 5.5; Esposito 5.5 (27’ st Caldore 6) Troest 6 Elizalde 6; Garattoni 6 Suciu 6 (16’ st Berardocco 7) Vallocchia 6.5 Rizzo 6; Fantacci 7 (16’ st Orlando 7.5) Marotta 6.5 (27’ st Cernigoi 6.5) Borrelli 6.5 (21’ st Scaccabarozzi 6.5). All.: Padalino 7.

Arbitro: Costanza di Agrigento 5. Guardalinee: Boggiani-Landoni. Quarto ufficiale: Ursini di Pescara. Marcatori:12’ pt Fantacci (JS), 14 st Suagher (T), 17’ st Orlando (JS), 24’ st Raicevic (T), 31’ st Raicevic (T), 41’ st Berardocco (rig.JS), 48’ st Salzano (aut, T). Espulso: 35’ st Garattoni (JS) per doppia ammonizione. Ammoniti: Boben (T), Garattoni (JS), Peralta (T) Note: partita a porte chiuse. Angoli 8-3. Recupero: 2’ pt- 4’ st.

Domenico Ferraro



Share