Domenica 9 maggio, a piazza Vargas, dalle ore 9:00 alle ore 13:00, ritorna il Mercato della Terra Vesuvio, evento promosso dalla Condotta vesuviana dello Slow Food e dal Comune di Boscoreale.

Il Mercato della Terra Vesuvio a Boscoreale, che si svolge in una piazza centrale della città, dotata di possibilità di parcheggio e adiacente alla stazione della Circumvesuviana (linea Napoli – Poggiomarino via Pompei), si è affermato come un punto di riferimento nell’ambito regionale e nazionale dei “Mercati della Terra” promossi dallo Slow Food, che danno la possibilità di realizzare un incontro diretto tra produttori e consumatori.

In questa edizione, nel pieno rispetto delle misure antiCovid-19, sui caratteristici banchetti saranno presenti i prodotti dell’agricoltura vesuviana, stagionale e sostenibile. I visitatori, in particolare, troveranno i piselli del presidio cento giorni, insieme a fave, arance, finocchi, limoni, miele, vino, aceto, piantine aromatiche e conserve di pomodoro.


“Siamo felici di poter riprendere proprio da Boscoreale il nostro percorso dei Mercati della terra vesuviani – ha commentato Maria Lionelli, fiduciaria della Condotta Slow Food Vesuvio -.  Proprio da qui siamo partiti e siamo grati agli amici di Boscoreale che ci spinsero a muovere i primi passi di una manifestazione che sta coinvolgendo anche altre realtà come Ercolano e Torre Annunziata”.

“Questi mesi difficili ci hanno ricordato il valore di un’agricoltura di qualità e sostenibile, e domenica prossima i cittadini di Boscoreale avranno la possibilità di incontrare e conoscere coloro che, con il loro lavoro, contribuiscono a produrre cibo sano, e a preservare tradizioni e paesaggio – ha sottolineato il sindaco Antonio Diplomatico”.


Uno dei punti di forza del Mercato è proprio il legame con la storia del territorio boschese che ha visto conservare le tracce millenarie dell’agricoltura vesuviana, a partire dalla villa rustica di epoca romana in località Villa Regina, unico esempio visitabile di antica fattoria romana, facente parte del Parco Archeologico di Pompei, che peraltro domenica prossima sarà anche aperta al pubblico.

In questa occasione sarà aperto e visitabile anche il “Roseto di Villa Silvana”, a pochi passi da piazza Vargas, dove si possono ammirare molte specie del fiore caratteristico del mese di maggio, e in particolare la rosa antica di Pompei.



Share