Il giorno festivo settimanale non manca mai di far sentire la sua influenza sui dati Covid regionali e così in Campania oggi il tasso si positività torna a salire repentinamente, come sempre a causa dei pochi tamponi processati, e si ritrova nuovamente appena sotto il dieci per cento. Nuovamente troppi i decessi registrati nelle ultime 48 ore.

Da oggi, 10 maggio, fino a mercoledì mattina nei due maggiori hub napoletani, a Capodichino e alla Mostra d’Oltremare, le somministrazioni subiranno uno stop imprevisto per l’esaurimento del vaccino Pfizer. Nel frattempo, il Presidente De Luca sollecita il commissariato straordinario a sbloccare il trasferimento delle 194mila dosi arretrate.


Nella giornata di ieri sono stati lavorati appena 9.690 tamponi molecolari, circa la metà di quelli lavorati sabato 8 maggio, mentre il numero dei nuovi positivi riscontrati è stato di 943 unità, anche questo numero è esclusivamente relativo ai test molecolari.

Dall’incrocio dei dati odierni, ovviamente solo quelli dei tamponi molecolari, il tasso di positività, cioè il rapporto tra tamponi lavorati e positivi riscontrati, sale al 9.73%, ieri era al 6,77%.




Gli asintomatici risultano essere 591, mentre i positivi che presentano i sintomi del Covid oggi sono stati 352.

Indicato anche il numero dei tamponi antigenici rapidi effettuati, oggi 1.815, come sempre senza riportare alcun positivo.

I responsabili della compilazione della ormai famosa tabella del Ministero della Salute sembra abbiano deciso definitivamente quale ERRORE fare e continuano a sommare i tamponi molecolari a quelli antigenici rapidi. Anche oggi quindi un numero assolutamente ERRATO: 11.505.

La somma ottenuta, è chiaramente impropria e fa sì che per il Ministero oggi la Campania sia con un tasso di positività del 8,19%. 

LEGGI ANCHE




I contagi in Campania negli ultimi 10 giorni:

Venerdì 30 aprile           –  8,7%   – 1.950 contagiati
Sabato 1 maggio           – 9,59%  – 1.352 contagiati
Domenica 2 maggio       –11,07% –    959 contagiati
Lunedì 3 maggio            – 7,67%  – 1.331 contagiati
Martedì 4 maggio           – 6,62%  – 1.447 contagiati
Mercoledì 5 maggio        – 7,12%  – 1.503 contagiati
Giovedì 6 maggio           – 7,35%  – 1.382 contagiati
Venerdì 7 maggio           – 6,37%  – 1.415 contagiati

Sabato 8 maggio            – 6,77% 1.233 contagiati

Domenica 9 maggio        – 9,73%  –   943 contagiati




In calo i ricoverati in terapia intensiva. Rispetto alla dotazione complessiva di 656, restano disponibili 543 posti letto sull’intera rete ospedaliera, con una percentuale di occupazione molto bassa che si ferma al 17.22%

Risale, invece, il numero dei ricoverati nei reparti ospedalieri dedicati al Covid. La riserva di posti letto oggi cala a 1.795 sui 3.160 disponibili in ambito regionale, sommando strutture pubbliche e private convenzionate, con una percentuale di occupazione del 43.19%.




Situazione Clinica

Il totale dei positivi è di 405.307, da inizio pandemia in Campania, mentre il totale dei tamponi eseguiti è arrivato a 4.543.672.

I guariti registrati nel report quotidiano sono 1.896. Con quelli odierni coloro che hanno battuto il virus in Campania sono 314.033.

I decessi registrati oggi sono stati 54, di cui 30 deceduti nelle ultime 48 ore e 24 deceduti in precedenza ma registrati ieri. Con le vittime odierne il numero dei campani sconfitti dal coronavirus arriva a 6.690 da inizio pandemia.

I positivi con sintomi Covid ricoverati negli ospedali campani oggi sono 1.365, sono 17 in più di ieri. calano a 113 le persone ricoverate in Terapia Intensiva, rispetto a ieri 6 in meno, con 5 ingressi in giornata.

Il numero delle persone attualmente positive oggi cala di 1.007 unità, segnando un totale di 83.106, diminuisce di 1.018 unità anche il numero delle persone in isolamento domiciliare che oggi sono 84.124.



Grafici elaborati da Giuseppe Velardo

Questi i dati del contagio provincia per provincia:

– Provincia di Napoli        :  238.138 (+598)   
– Provincia di Salerno      :    65.299 (+132)                           
– Provincia di Avellino     :    18.993 (+27)              
– Provincia di Caserta      :     63.369 (+169)
Provincia di Benevento :    11.945 (+16)                             

Il dato comunque riferisce il riepilogo diffuso dalla Protezione Civile comprendente anche casi già noti ma solo ora confermati. Non sono riportati ulteriori casi in attesa del secondo tampone di conferma.

Covid in Italia

Sono 5.080 i positivi al test del coronavirus in Italia in 24 ore, secondo i dati del ministero della Salute. Domenica erano stati 8.292.

Sono invece 198 le vittime in un giorno, in aumento rispetto alle 139 del giorno prima. In totale i casi dall’inizio dell’epidemia sono 4.116.287, i morti 123.031. I dimessi ed i guariti hanno raggiunto quota 3.619.586, con un aumento di 15.063 unità in 24 ore. Gli attualmente positivi sono 373.670, in calo di 10.184.

Sono 130.000 i tamponi molecolari e antigenici per il coronavirus effettuati in 24 ore in Italia. Domenica i test erano stati 226.006. Il tasso di positività è del 3,9%, in aumento rispetto al 3,7%.

I pazienti ricoverati in terapia intensiva per il Covid in Italia sono 2.158, in calo di 34 unità nel saldo quotidiano tra entrate e uscite, mentre gli ingressi giornalieri, secondo i dati del ministero della Salute, sono stati 80. Nei reparti ordinari sono invece ricoverate 15.427 persone (7 in più di ieri).

Continua a calare, a livello nazionale, il numero delle terapie intensive occupate da pazienti Covid, attestandosi al 24%, ben 6 punti sotto la soglia critica del 30%. Tornano quindi al valore di metà febbraio, ovvero prima dell’effetto della terza ondata pandemica. Solo 3 regioni, inoltre, superano tale soglia oltre la quale diventa difficile la presa in carico di malati non Covid: Lombardia, Toscana e Puglia.



Share
Condividi
PrecedenteAcerra: maltratta moglie e figlia, arrestato
SuccessivoNapoli, corso Protopisani: sequestrate pistola e droga
avatar
Il settimanale “Il Gazzettino vesuviano” fondato nel 1971 da Pasquale Cirillo, si interessa delle tematiche legate al territorio vesuviano; dalla politica locale e regionale, a quella cultura che fonda le proprie radici nelle tradizioni ed è alla base delle tante realtà che operano sul territorio.