Un video postato sui social, che mostra un ragazzo preso a calci da un carabiniere perchè avrebbe violato il coprifuoco a Terzigno sta scatenando dure proteste tra i cittadini.

“Molte persone mi hanno contattato perchè sono rimaste inorridite da tanta violenza. Ovviamente ho chiesto al Comando Provinciale dell’Arma di avere spiegazioni e mi è stato spiegato che sono stati avviati autonomi accertamenti finalizzati a perseguire, con il massimo rigore e convinta inflessibilità, comportamenti inconciliabili con i valori fondanti dei Carabinieri.



E’ necessario che si faccia rapidamente chiarezza perché qualora la vicenda fosse confermata nei termini in cui è stata denunciata sui social sarebbe gravissima e il protagonista dovrebbe essere duramente sanzionato”, dichiara il consigliere regionale di Europa Verde Francesco Emilio Borrelli.

Con riferimento al video diffuso in rete dal gruppo denominato “Welcome to Favelas”, attivo sui social e sulle app di messaggistica istantanea, il Comando Provinciale Carabinieri di Napoli ha immediatamente avviato autonomi accertamenti finalizzati a perseguire, con il massimo rigore e convinta inflessibilità, comportamenti inconciliabili con i valori fondanti dell’Arma, valori di umanità e vicinanza, a cui si ispira quotidianamente l’agire dei tanti Carabinieri che, con sacrificio e dedizione, operano per garantire i diritti e la sicurezza dei cittadini, spesso mettendo a rischio anche la propria vita.



Share