É da poco terminata la visita istituzionale ad Agerola del Prefetto di Napoli Marco Valentini. Ad accoglierlo il sindaco Luca Mascolo, gli assessori e una delegazione di dipendenti comunali, il Capitano della Compagnia dei Carabinieri di Castellammare di Stabia Carlo Venturini ed il Maresciallo Capo della locale stazione Gerardo Varone. Un benvenuto all’insegna della cordialità iniziata con la visita al museo civico “Casa della Corte” l’antico edificio che ha ospitato il Municipio di Agerola dal 1862 al 1982 e che oggi è sede del Museo Etnoantropologico della Sala Consiliare “Pasquale Gentile”, della sezione storica della Biblioteca Comunale, con annessa aula studio, e di sale espositive destinate a mostre di arte visiva e proseguita con il saluto alle stazioni dei Carabinieri e dei Carabinieri Forestali. La visita si è conclusa nella splendida struttura della Colonia Montana, oggi sede del Campus Principe di Napoli, l’Università e Centro di Alta formazione Gastronomica.



«È stata una giornata molto bella ed intensa» ha dichiarato il Prefetto Marco Valentini. «È la prima volta che ho visitato Agerola e devo dire che si tratta di una realtà molto interessante in particolare dal punto di vista turistico. Sto provando in questi mesi a conoscere da vicino i comuni dell’area metropolitana di Napoli per sviluppare insieme ai sindaci una forte sinergia per creare un dialogo costante e facilitare la risoluzione dei problemi. Ho trovato un’amministrazione molto motivata, e ne ho molto apprezzato l’impegno sulla cultura che ho potuto constatare visitando il museo di “Casa della Corte”, un’attrazione anche per i turisti che trovano così anche spunti di natura culturale oltre all’ambiente naturale splendido che va tutelato con il rispetto delle regole. Di questo ho parlato con il sindaco e con le forze dell’ordine che operano sul territorio. La tutela dell’ambiente e la lotta ad ogni forma di abusivismo sono le nostre priorità».



Soddisfatto il sindaco Luca Mascolo: «La visita del Prefetto Marco Valentini è un orgoglio per questa comunità. Sentire la vicinanza delle istituzioni, soprattutto in un momento delicato come questo, è fondamentale per chi ha responsabilità di governo sul territorio. Con il Prefetto c’è stato un incontro molto cordiale durante il quale abbiamo parlato delle nostre tradizioni, del nostro paniere gastronomico e delle potenzialità turistiche di questo territorio per poi affrontare il tema della fase post covid, della ripartenza, della rinascita e dell’attenzione per le categorie produttive del nostro territorio. Il contrasto ai fenomeni di piccolo abusivismo che ancora sussistono, agli sversamenti che avvengono ancora nei nostri valloni sono le criticità da contrastare con decisione per garantire un futuro migliore ad Agerola ed agli agerolesi».



Share