Erano da poco passate le 10,30 quando i viaggiatori della Circumvesuviana, nel tratto ferroviario tra Boscoreale e Pompei hanno vissuto attimi di terrore.

Uno scoppio e i vagoni del treno invasi dal fumo. L’allarme dato da alcuni passeggeri, che hanno segnalato il fumo in coda alla vettura a capotreno e macchinista che hanno fermato la corsa e hanno fatto scendere i viaggiatori provando a far mantenere la calma e a far svolgere tutta l’operazione senza che il panico prendesse il sopravvento.


In tanti, a piedi lungo i binari, hanno raggiunto la stazione di Pompei, mentre la circolazione ferroviaria tra Torre Annunziata e Scafati e rimasta interrotta. L’Eav ha annunciato l’istituzione di un servizio sostitutivo su gomma che però a quanto pare non sembra aver funzionato a sufficienza. In tanti, partiti successivamente sulla tratta Napoli-Poggiomarino, sembra sia rimasti a piedi dovendo ricorrere a mezzi privato o soluzioni alternative per poter giungere nelle stazioni di destinazione.

Nonostante la paura e il treno fermo in aperta campagna e abbandonato in emergenza, fortunatamente non ci sono stati feriti. Il convoglio su cui è scoppiato l’incendio era partito da Porta Nolana alle ore 9:25.


Il principio di incendio è stato tenuto sotto controllo dal personale Eav sino all’arrivo dei Vigili del Fuoco che calandosi dalla strada che sovrasta i binari hanno definitivamente azzerato qualsiasi pericolo.

Adesso si indaga per conoscere se le fiamme siano partite dall’interno della carrozza oppure da un corto circuito nei fili dell’alta tensione. Il fuoco però sembra si sia propagato all’esterno della carrozza senza aggredire direttamente l’interno del vagone.


Il consigliere regionale Francesco Emilio Borrelli nel chiedere l’apertura di una indagine interna ha dichiarato: “Tragedia evitata per fortuna, ma bisogna garantire la piena sicurezza a tutti i passeggeri che prendono quotidianamente la Circum potenziando le attività di controllo e manutenzione delle tratte”.



Share