“Esprimo la mia piena e totale solidarietà ai passeggeri lasciati a piedi dal treno della Circumvesuviana che ieri ha preso fuoco in corsa. Certo cose non dovrebbero mai accadere neppure nel Medioevo, ancor meno in una società civile che vuole fare turismo e guardare al futuro”. Così il sindaco di Castellammare di Stabia Gaetano Cimmino.



“Non si può rischiare la vita in simili circostanze, a bordo di un treno. – ha continuato Cimmino – Ed è arrivato il momento che Eav inizi ad investire seriamente sulla sicurezza dei trasporti, piuttosto che allestire cantieri abusivi, chiudere le stazioni di Castellammare Terme, Pozzano e Ponte Persica o organizzare cerimonie in pompa magna nella nostra città per annunciare un’opera che sarà realizzata forse fra 20 anni.

Basta con queste offese continue alla città. Non si scherza con la vita delle persone. I cittadini hanno bisogno di un servizio più efficiente per la Circumvesuviana e di di treni più sicuri, non di colline sventrate e di colate di cemento abusive”.



Share