Il prof. Ruocco Francesco, referente per le attività di prevenzione e contrasto al bullismo e al cyberbullismo della scuola secondaria di primo grado Fucini-Roncalli di Gragnano (NA), in collaborazione con il dipartimento di italiano, di educazione musicale e dei docenti di religione presenta:

BILLY BLU – dal testo al libro

L’iniziativa nasce dall’idea di rielaborare il testo sul bullismo del brano di Marco Sentieri (Sanremo 2020) e di trasformarlo in un libro. Il bullismo è purtroppo un tema di grande attualità, una piaga che si evolve ma non si piega, ed il cyberbullismo ne è un’evoluzione ed un esempio concreto e attuale. Ai ragazzi delle classi terze, sotto la guida dei docenti di educazione musicale, è stato richiesto l’ascolto attivo del brano e l’analisi. I docenti di religione, invece, hanno accompagnato gli alunni in una serie di momenti di riflessione e di discussione sul testo del brano. Infine con la guida attiva del docente di italiano di riferimento gli alunni sono stati chiamati a realizzare un lavoro di scrittura creativa, ad elaborazione quindi un capitolo che, come pezzo di un mosaico, ha contribuito a formare il libro finale. Dall’insieme dei lavori di oltre trecento ragazzi è nato un libro: un’esperienza di scrittura creativa in quindici capitoli coinvolgenti e appassionanti.



“Perché la vita è un giustiziere e tutti i bulli adolescenti, poi diventano quegli uomini dai mille fallimenti”

Così leggiamo tra le righe del testo della canzone del cantautore Marco Sentieri.
Ispirata a una storia vera, la canzone veicola una riflessione profonda sul fenomeno del bullismo, scavando nel vissuto sia di Billy Blu, il ragazzo occhialuto e bullizzato, sia in quello del bullo, un ragazzo dai “muscoli di cera”, destinati a liquefarsi sotto il sole della vita.

Attraverso i versi del brano Billy Blu, i docenti della scuola “Fucini-Roncalli” di Gragnano hanno voluto concentrare l’attenzione dei ragazzi intorno al fenomeno del bullismo e del cyberbullismo, una delle forme di violenza più diffuse tra i giovani preadolescenti.
Dall’insieme dei lavori di oltre trecento ragazzi è nato un libro: un’esperienza di scrittura creativa in quindici capitoli coinvolgenti e appassionanti.

Il Dirigente scolastico
Fiorenzo Gargiulo



Scrivere è un’arte, ma per utilizzarla occorre il giusto spirito artistico, che a volte è innato, altre volte invece deve essere stimolato e coltivato. L’arte della scrittura la si impara in primis a scuola, fin da piccoli, ma la si affina sul campo, da artigiani, con tutti i mezzi predisposti dagli insegnanti nel corso degli anni scolastici. Attraverso la scrittura creativa, lo studente ha la possibilità di esplorare un mondo a lui congeniale, il mondo della fantasia e svolgere il proprio mestiere di ragazzo: inventare. Se poi la scrittura viene messa al servizio di tematiche importanti ed attuali come il bullismo e il cyberbullismo, allora subentra un valore aggiunto: la riflessione. Riflettere per costruire un pensiero critico, riflettere per prendere posizione attraverso la capacità di discernere ciò che è eticamente e moralmente giusto da ciò che è sbagliato.
Prof. Francesco Ruocco



Share