Cambia ancora la maggioranza a Volla. Una metamorfosi che ha modificato il risultato delle urne, ma che continua a mantenere alla guida della cittadina vesuviana in sindaco Pasquale Di Marzo.

Oggi tre forze che sono state determinanti per la vittoria elettorale abbandonano la maggioranza, cosa che, in effetti, si attendeva da circa un mese, quando con l’azzeramento della giunta e la nomina del nuovo esecutivo cittadino, il sindaco aveva già stravolto gli equilibri politici cittadini.


Oggi con un comunicato stampa, la decisione di passare in minoranza, di seguito il comunicato:

“Abbiamo ritenuto di ribadire al Sindaco la nostra fiducia negli Assessori che egli aveva sfiduciato, ai quali alcun addebito politico è stato rivolto, e che pertanto ritenevamo inopportuno dare  indicazione sulla nomina di eventuali assessori ritenendo già sufficiente, a nostra garanzia,  la presenza in giunta del Sindaco”.

Con questa speranza abbiamo concluso il precedente comunicato stampa del 2/5 u.s. con cui  abbiamo ritenuto corretto informare i nostri elettori e tutta la Cittadinanza sugli sviluppi politici  innescati dall’ inaspettato ed inspiegabile azzeramento della giunta da parte del Sindaco  determinato dalla surreale mozione presentata da Fratelli d’Italia nell’ultimo consiglio comunale.

Abbiamo purtroppo ben presto dovuto constatare che tale speranza era stata disattesa.

In data 6 maggio infatti, è stata pubblicata sull’albo pretorio il decreto di nomina di quattro dei  cinque componenti della giunta, completata poi con la nomina del quinto assessore il 27 maggio.

Il Sindaco non ha ritenuto opportuno condividere la scelta degli Assessori non avendo interesse ad ascoltare la nostra opinione in merito.




Gli avevamo dato pieno mandato sulla scelta degli Assessori, rinunciando ad indicarne, ma ci  saremmo aspettati quantomeno che fosse richiesta una nostra riflessione, avremmo potuto  anticipargli la nostra assoluta contrarietà alla nomina di quattro/quinti degli Assessori non residenti  a Volla (uno di Napoli, uno di Brusciano, uno di Cercola, uno di Massa di Somma) e pertanto ignari  del territorio e delle sue complesse tematiche ritenendo invece che il nostro Paese possa offrire  personalità di grande competenza, professionalità presenti quotidianamente sul territorio e pertanto consapevoli delle criticità; gli avremmo potuto ribadire la nostra contrarietà alla nomina di assessori indicati dalle forze politiche e soprattutto da quelle subentrate dalla minoranza per evitare che tale allargamento della maggioranza fosse realmente dovuto ad una volontà di collaborare per il territorio e non per sete di potere, gli avremmo potuto sottolineare che la nomina della responsabile politica del partito Fratelli d’Italia, addirittura con la carica di Vicesindaco, stravolgeva completamente l’indicazione del voto popolare che lo aveva voluto Sindaco in quanto proposto da liste civiche non collegate ad alcun partito e spostava l’asse politico della maggioranza decisamente a destra.

Ma il nostro contributo non è stato ritenuto né utile né necessario.

Inoltre la fiducia riposta nel Sindaco, la cui presenza in Giunta avevamo ritenuta nostra garanzia, è amaramente naufragata quando abbiamo saputo dell’effettuazione di ben quattro sedute di giunta solo quando venuti a conoscenza delle delibere già discusse ed approvate.




Alla luce quindi di tale comportamento abbiamo ritenuto informare il Sindaco che, non essendo ritenuti utili alla maggioranza, abbiamo deciso di continuare a svolgere il compito assegnatoci dai Cittadini dai banchi della minoranza di modo da rendere trasparente e chiara a tutti la rappresentanza consiliare di maggioranza e di opposizione.

Riteniamo doveroso augurare al Sindaco, alla giunta ed alla nuova maggioranza configuratasi, un proficuo lavoro nell’interesse di tutta la cittadinanza confermando la nostra volontà a votare tutti i provvedimenti che riterremo utili alla risoluzione delle molteplici e difficili tematiche che attanagliano il nostro territorio.

 Siamo Volla – Intesa Per Volla – Volla Vera

Ora bisognerà attendere il prossimo consiglio comunale per riconoscere nel voto di fiducia all’amministrazione la nuova maggioranza, anche se in città, tra entrate e uscite, la sua composizione è già parecchio chiara.



Share