A stretto giro è arrivata la risposta ai gruppi consiliari che ieri, a Volla, lasciando la maggioranza, hanno deciso di continuare la proprio esperienza amministrativa, ma tra i banchi dell’opposizione.

A rispondere è il capogruppo di Fratelli d’Italia, partito politico accusato di essere artefice del cambio di rotta politica dell’amministrazione Di Marzo, accusata per questo di aver tradito il responso delle urne.


“Abbiamo ancora due anni e mezzo, non è vero che sono pochi, la verità è che abbiamo perso molto tempo”. Ha esordito Giuseppe Annone, ex assessore e artefice dell’azzeramento della Giunta cittadina con la presentazione della ormai famosa mozione di sfiducia all’esecutivo nell’ultimo consiglio comunale.

“I componenti del maxi gruppo di neo oppositori dimenticano, che se non era per il buon senso e la responsabilità verso i cittadini, di Fratelli d’Italia, i “siamoveraintesa” sarebbero scaduti dopo pochi mesi, battendo il record non invidiabile di Viscovo con un ennesimo commissariamento”, ha sottolineato Annone.


“Asse politico a destra?” si chiede il consigliere, e specifica: “Identità ben definita, a fronte ad un asse di colore arcobaleno, un mucchio selvaggio, in pratica. Siamo ripartiti senza più ostacoli e con idee ben chiare, prima offuscate e velate. In campo abbiamo messo tante iniziative e valide progettualità che il territorio attende ormai da un po’ di anni. Il tempo sarà ancora una volta galantuomo”, ha concluso Giuseppe Annone.

Filippo Raiola



Share