Tumulti nel gruppo della Democrazia Cristiana a Ercolano. Era appena Settembre scorso quando la lista festeggiò per la prima volta l’ingresso nell’aula di Consiglio in appoggio alla coalizione di Buonajuto risultata vincente con un plebiscito di voti. Circa 1400 furono i voti portati in dote al primo cittadino che valsero l’elezione a Consigliere comunale di Ciro Acunzo in rappresentanza dello scudo crociato. Ma la liaison, tra il neoeletto Consigliere di maggioranza e il suo partito di riferimento, non è durata molto. Precisamente da quando le redini del partito sono state affidate a livello locale, circa un mese e mezzo fa, all’Avv. Loredana Gargiulo. Un volto noto della politica locale, candidata alle scorse amministrative fra le file della coalizione anti-Buonajuto capeggiata da Colomba Formisano.


Una scelta che ha indubbiamente segnato il percorso politico fino a quel momento tracciato dalla lista dei democristiani seduti fra i banchi di maggioranza. In altre parole, la nomina a commissario cittadino della Gargiulo ha così portato il partito locale ad un repentino cambio di direzione, passando tutto d’un colpo all’opposizione.

Un passaggio tutt’altro che doloroso il quale ha portato con sé inevitabili strascichi conditi dalle polemiche sollevate dal Consigliere Acunzo. Polemiche culminate con l’abbandono annunciato poche ore fa dallo stesso Consigliere attraverso un lungo e duro comunicato.

“La persona incaricata a rappresentare il partito cittadino – dichiara il Consigliere Ciro Acunzo – ha pubblicato la notizia del nostro passaggio all’opposizione senza neanche avere la grazia di interpellare me e i candidati che ci hanno messo la faccia alle scorse elezioni, e anzi approfittando della mia assenza durata qualche giorno. Un atteggiamento poco democratico e poco cristiano.

Inoltre, sembra a dir poco grottesco che una persona candidata contro di noi otto mesi fa, oggi detti la linea politica senza tener conto della nostra storia. Senza contare poi le voci che girano in città, e cioè che questa operazione serva a dare una casa politica a qualche consigliere comunale di opposizione in cerca d’autore. Stando così le cose, non mi resta che prendere atto di questa giravolta e lasciare il partito che ho contribuito a fondare e con cui mi sono candidato alle scorse elezioni insieme ad altre 20 persone che credono nella bontà dell’operato di Ciro Buonajuto. La decisione di lasciare la Democrazia Cristiana è stata molto sofferta e si accompagna ad un forte sentimento di delusione, ma in questo momento più che mai sento di non poter tradire la fiducia e il mandato che gli elettori ci hanno affidato soltanto qualche mese fa”.


Tuttavia nel quartier generale della DC non si sono persi d’animo. Per un Consigliere comunale che esce, ce ne è uno pronto a subentrare. Difatti, a breve distanza di tempo dalla fuoriuscita di Acunzo, il quale ha categoricamente confermato la sua presenza in maggioranza, è stata annunciato, da parte della neo-commissaria cittadina della DC, l’ingresso della Consigliera d’opposizione Colomba Formisano.

“Si accoglie con un plauso – dichiara la Gargiulo – l’ingresso della consigliera Colomba Formisano nella Democrazia Cristiana, che sentitamente ringrazio. Sono certa che insieme alla consigliera di opposizione potremo portare avanti una linea politico-amministrativa nel solo ed esclusivo interesse della comunità ercolanese, accompagnati da un forte senso di responsabilità e da un forte ed autentico attaccamento al territorio. Finalmente, stremati da un certo modus operandi, si può ritornare a fare Politica. Ad maiora!”


Le strade quindi per Colomba Formisano, la sfidante di Buonajuto alle ultime elezioni comunali che registrò una cocente sconfitta elettorale, e per Loredana Gargiulo si ricongiungono.

Per il resto questi contraccolpi interni alla DC non modificano minimamente i solidi equilibri di maggioranza di cui l’acclamatissimo Buonajuto può godere.

Danilo Roberto Cascone



Share