Allerta variante Delta in Francia per un focolaio sviluppatosi all’interno di una scuola dell’arte, la Haute école des arts du Rhine a Strasburgo.

Quattro i casi accertati di positività alla variante, in pratica quella che era la variante indiana fino a qualche tempo fa, e altri 43 in fase di accertamento.


Immediato l’intervento dell’Agenzia regionale della sanità della regione del Grand-est che ha attivato un “piano d’azione immediato” di “screening sistematico” per la rilevazione della “mutazione”.

La prefettura locale ha predisposto la chiusura della scuola, mentre nel fine settimana sarà attuata una vaccinazione mirata che coinvolgerà circa 200 persone, tra studenti e personale di bar e ristoranti del luogo.



La variante è considerata particolarmente contagiosa e le autorità stanno attuando tutte le misure necessarie al suo contenimento.

E intanto è atteso a breve nel Regno Unito l’annuncio di un rinvio delle riaperture inizialmente previste per il 21 giugno: la data slitterebbe di quattro settimane in Inghilterra.


Il primo ministro britannico Boris Johnson ha ammesso oggi che la diffusione della variante Delta del Covid 19 è oggetto di “grave, grave preoccupazione”. E che adesso è meno ottimista di quanto lo fosse a maggio.

Si erano intanto moltiplicati gli appelli da parte di esperti – anche consulenti di Downing Street – per un rinvio della riapertura pressoché totale del Paese del 21 giugno. E’ stato proprio Boris Johnson ad accennare alla possibilità di rinviare la riapertura, comunicando che farà un annuncio lunedì.

Share