L’estate con la mascherina, anche all’aperto in Campania. De Luca: “Vacciniamoci!”

“Tutta questa allegria che abbiamo per le riaperture, tutta questa ricreazione rischia di essere interrotta fra fine settembre e inizio ottobre. Dobbiamo far funzionare la ragione"

85

Non sembra essere affatto intenzionato a considerare l’eventualità paventata in queste ultime ore di abolire l’uso della mascherina all’aperto, il governatore della Regione Campania, che nel corso della diretta Facebook del venerdì pomeriggio ha spiegato: “A volte si determinano i meccanismi imitativi, se si decide che è facoltativo togliere o mettere la mascherina alla fine ci saranno soprattutto ragazzi che saranno imbarazzati a camminare con la mascherina quando la gran parte dei loro colleghi non lo fa. E’ uno dei motivi per i quali credo che manterremo l’obbligo di usare la mascherina anche in estate”, ha aggiunto.


“È evidente che a casa, al mare e al ristorante se ne fa a meno – ha precisato – ma con il numero di positivi che abbiamo ancora oggi non possiamo permetterci di correre rischi»,

Nonostante la campagna vaccinale prosegua, anche se tra alti e bassi e l’enorme confusione generata dall’ultima decisione presa in materia di vaccini che prevede una somministrazione mista agli under 60 che hanno già ricevuto la prima dose di AstraZeneca, De Luca invita i suoi concittadini a non abbassare la guardia.

L’avvicinarsi dell’entrata in zona bianca della Campania, complice il bel tempo e la diminuzione dei casi di positività al virus potrebbe, infatti, determinare comportamenti tali da causare una risalita dei contagi per la prossima stagione autunnale.


“Tutta questa allegria che abbiamo per le riaperture, tutta questa ricreazione – ha spiegato il governatore campano – rischia di essere interrotta fra fine settembre e inizio ottobre. Non credo che avremo la stessa situazione che c’è stata dopo la scorsa estate, perché bene o male sono state somministrate milioni di dosi di vaccino – ha aggiunto – ma ancora una volta dobbiamo far funzionare la ragione”.

De Luca è consapevole che la situazione attuale sia ben diversa da quella vissuta la scorsa estate, grazie ai vaccini che ormai fanno ben sperare in una immunizzazione di gregge in tempi probabilmente brevi, tuttavia avverte: “Rischiamo di avere nuovi contagi e nuova emergenza, perché tra il 15 e il 20% degli italiani non si è vaccinato per propria scelta e nelle ultime settimane c’è un rallentamento nelle iscrizioni e nelle somministrazioni di dosi. Poi a settembre avremo l’apertura dell’anno scolastico con tutti gli studenti in presenza e con la presenza di varianti Covid”. Dunque una sola parola d’ordine per il presidente campamo: “Vacciniamoci!”


“Richiamo tutti a iscriversi e a vaccinarsi, anche perché in Campania faremo quasi esclusivamente Pfizer e Moderna”, l’invito di De Luca che ha tra l’altro evidenziato come nella regione si registri una scarsa partecipazione dei cittadini nella fascia degli over 60. “Dobbiamo completare la campagna – ha sottolineato – altrimenti tutta questa allegria per le riaperture e questa ricreazione rischia di essere interrotta tra fine settembre e inizio ottobre”.

Il governatore campano si è poi espresso anche a proposito del green pass, spiegando come proprio la Regione Campania abbia anticipato i tempi rilasciando la “certificazione di avvenuta vaccinazione”, una card che tutela la privacy del vaccinato più di quella del Governo, ed ha concluso che si procederà dritti su questa strada.


Share