Aniello D’Auria rompe gli indugi e presenta la sua candidatura a sindaco con la civica Officina Futura. Il centrodestra si presenterà dunque spaccato alle elezioni comunali del prossimo autunno, almeno per quanto riguarda il primo turno. Oltre a D’Auria infatti, fedelissimo di Forza Italia, è già in campo da mesi Patrizio Mascolo (capogruppo attuale di opposizione) che raggruppa i partiti della coalizione di centrodestra. D’Auria ha invitato i propri sostenitori ad una manifestazione pubblica, svoltasi in una struttura ricettiva locale, per presentare il suo progetto politico.



“Senza girarci intorno – afferma- con schiettezza e lealtà, abbiamo parlato di Gragnano. Lo abbiamo fatto col cuore appassionato di chi questa città la ama. Abbiamo parlato di una politica che unisce, capace di creare un modello di aggregazione e condivisione. Abbiamo parlato di bellezza come modello di sviluppo economico e sociale. Officina Futuro ha come obiettivo il recupero della fiducia nella nostra città fatta di tante eccellenze”.

Tra i presenti c’erano anche l’ex vicesindaco Carmine D’Antuono e l’ex assessore Alfonso Cassese. Il centrodestra diviso in due tronconi sfiderà il sindaco uscente Paolo Cimmino, che proverà invece il bis a capo di una coalizione civica ispirata però al centrosinistra. Negli ultimi giorni continuano, a tal proposito, i contatti con il Partito Democratico guidato da Silvana Somma (oggi all’opposizione) che potrà invece entrare a far parte della coalizione di Cimmino.



Share