E’ arrivato il nulla osta da parte dell’EMA per la somministrazione del farmaco Moderna a ragazzi di età compresa tra i 12 e 17 anni. L’uso del vaccino precedentemente già consigliato per gli over 18, adesso potrà essere esteso anche ai giovanissimi.


E’ questa la nuova indicazione proveniente dall’Agenzia europea del farmaco che ha raccomandato a tutti gli stati membri di rilasciare l’autorizzazione affinché si possa procedere all’inoculazione del vaccino Covid-19 Spikevax anche al di sotto dei 18 anni. La decisione è arrivata dopo test eseguiti su circa 4mila adolescenti che non erano stati infettati dal coronavirus. Da quanto rilevato i giovani hanno sviluppato un livello di anticorpi paragonabile a quello prodotto nei maggiori di 18 anni. “L’efficacia di Spikevax dai 12 e 17 anni d’età – ha decretato il Chmp, comitato per i medicinali per uso umano – è simile a quella dimostrata negli adulti”.

“Anche gli effetti collaterali sono paragonabili a quelli già riscontrati per i ragazzi più grandi e riconducibili a stanchezza, mal di testa, dolori muscolari e articolari, brividi nausea, vomito e febbre”.


Tuttavia, essendo il campione di bambini, sul quale è stato effettuato lo studio, piuttosto limitato non è stato possibile riscontrare eventualmente diversi effetti indesiderati, ma è sufficiente per considerare che, come già per gli adulti , “i benefici del vaccino nei bambini di età compresa tra 12 e 17 anni siano superiori ai rischi, in particolare per quelli con condizioni che aumentano il pericolo di Covid-19 grave”.
Naturalmente il trial è ancora in corso e l’Agenzia europea per i medicinali assicura che continuerà con il monitoraggio sia tenendo d’occhio le campagne vaccinali, sia con studi aggiuntivi che verranno eseguiti da parte della stessa azienda produttrice e delle autorità europee.

Il vaccino Moderna sarebbe dunque il secondo siero autorizzato per i ragazzi della fascia d’età compresa tra i 12 e i 17 anni e la somministrazione delle due dosi avverrà, come per gli over 18, a distanza di quattro settimane.

Share