Il trend del tasso di positività di questo periodo non si smentisce e procede con un altalenante andamento che purtroppo tende sempre più verso l’alto. E così dopo il calo registrato nelle 24 ore precedenti, oggi il report dell’Unità di Crisi regionale segnala un nuovo incremento della percentuale dei positivi che ritorna nuovamente al quattro per cento.

Risultano comunque molti nuovi positivi, ma fortunatamente nessun decesso, almeno per il momento, salvo poi tra qualche giorno segnalarne con riferimento ai giorni precedenti e quindi anche ad oggi.

Negli ospedali campani resta comunque basso il tasso di occupazione di posti letto con addirittura ancora una lieve diminuzione dei degenti in terapia intensiva a causa del Covid.




È previsto per la settimana prossima il dl con cui il governo affronterà il dossier del Green Pass in merito a scuola e trasporti. Lo confermano fonti di primo piano di governo. Una cabina di regia ad hoc si potrebbe tenere all’inizio della prossima settimana, prima del Consiglio dei ministri che varerà i nuovi provvedimenti.

Sul tavolo c’è anche l’ipotesi del vaccino obbligatorio per i docenti. Il governatore De Luca avverte: gli istituti con pochi immunizzati continueranno con la didattica a distanza.



LEGGI ANCHE

Ecco il decreto Green Pass, obbligatorio per bar e ristoranti e non solo dal 6 agosto

 






Dall’incrocio dei dati odierni dei tamponi molecolari, il tasso di positività, cioè il rapporto tra tamponi lavorati e positivi riscontrati torna a salire e si ferma a 4%, ieri era a 3.22%.

L’ultimo bollettino dell’Unità di Crisi riporta che nella giornata di ieri sono stati lavorati 8.619 tamponi molecolari. Tra questi sono stati riscontrati 345 nuovi positivi. Tutti numeri relativi esclusivamente ai test molecolari.

Indicato, anche se comunque nel computo del tasso di positività sono sostanzialmente inutili e servono solo a falsare i dato nazionale, il numero dei tamponi antigenici rapidi effettuati, che oggi sono 7.183, come sempre senza riportare alcun positivo e come sempre impropriamente sommati ai molecolari nella tabella nazionale.






I responsabili della compilazione della famosa tabella del Ministero della Salute, come ormai è “errata” consuetudine, continuano a sommare i tamponi molecolari a quelli antigenici rapidi. Dato che non è possibile sommare i positivi riscontrati con entrambi i test, quelli antigenici non sono mai dichiarati, i valori sono ovviamente anomali.

Anche oggi quindi numeri assolutamente incomprensibili: 15.802 i tamponi considerati. La somma ottenuta, è chiaramente impropria, anche se oggi molto simile a quella regionale per cui anche per il Ministero oggi la Campania è con un tasso di positività del 3.26%.

LEGGI ANCHE






I contagi in Campania negli ultimi 10 giorni:

Domenica 18 luglio      – 6,57%  – 151 contagiati
Lunedì 19 luglio           – 3,25%  – 233 contagiati
Martedì 20 luglio          – 3,17%  – 292 contagiati
Mercoledì 21 luglio       – 4,17%  – 352 contagiati
Giovedì 22 luglio          – 3,58%  – 261 contagiati
Venerdì 23 luglio          – 4,26%  – 341 contagiati
Sabato 24 luglio           – 5,05%  – 301 contaggiati
Domenica 25 luglio       – 5,98%  – 115 contagiati
Lunedì 26 luglio            – 3,22%  – 236 contagiati
Martedì 27 luglio           – 4%       – 345 contagiati


Negli ospedali regionali praticamente stabile, uno in meno, il numero dei ricoverati e i posti letto occupati in terapia intensiva sale a 647 sui 656 dell’intera rete ospedaliera. 

Resta immutato rispetto ai due giorni precedenti il numero dei degenti nei reparti ospedalieri dedicati al Covid. La riserva di posti letto resta di 2.972 sui 3.160 disponibili in ambito regionale, sommando strutture pubbliche e private convenzionate.




Situazione Clinica

Il totale dei positivi è di 429.857 da inizio pandemia in Campania, mentre il totale dei tamponi eseguiti arriva a 5.627.567.

I guariti registrati nel report quotidiano sono 219 e salgono in totale a 413.880.

Zero deceduti causa Covid nel report regionale quotidiano. Il numero totale dei morti per il coronavirus in Campania resta di 7.585 dall’inizio dell’epidemia.

I positivi con sintomi Covid ricoverati negli ospedali campani oggi restano 188, stabile da tre giorni. Nelle terapie intensive il numero dei degenti scende a 9, uno in meno rispetto a ieri e con un ingresso nell’ultima giornata.

Il numero delle persone attualmente positive oggi è di 8.392 (+126), anche  il numero delle persone in isolamento domiciliare oggi risulta essere di 8.195 (+127).

Grafici elaborati da Giuseppe Velardo

Questi i dati del contagio provincia per provincia:

– Provincia di Napoli        : 253.255 (+230)
– Provincia di Salerno      : 69.005 (+49)
– Provincia di Avellino     : 20.512 (+4)
– Provincia di Caserta      : 66.527 (+43)
Provincia di Benevento : 12.695 (+8)

Il dato comunque riferisce il riepilogo diffuso dalla Protezione Civile comprendente anche casi già noti ma solo ora confermati. Non sono riportati ulteriori casi in attesa del secondo tampone di conferma.

Covid in Italia

Sono 5.696 i positivi ai test Covid individuati nelle ultime 24 ore, secondo i dati del ministero della Salute. Ieri erano stati 4.552. Sono invece 15 le vittime in un giorno, mentre ieri erano state 24. Sono 248.472 i tamponi molecolari e antigenici per il coronavirus effettuati nelle ultime 24 ore in Italia, secondo i dati del ministero della Salute.

Ieri erano stati 241.890. Il tasso di positività è del 2,3%, in aumento rispetto al 1,9% di ieri. Sono 183 i pazienti ricoverati in terapia intensiva per Covid in Italia, 6 in meno rispetto a ieri nel saldo tra entrate e uscite. Gli ingressi giornalieri, secondo i dati del ministero della Salute, sono stati 9 (ieri 16). I ricoverati con sintomi nei reparti ordinari sono 1.685, 74 in più rispetto a ieri. 

“E’ evidente che le varianti, anche Delta, ci consegnano un quadro delicato che ci costringe alla massima cautela. Chi paragona questo momento a fasi precedenti commette un errore: c’è una grande differenza. Oggi supereremo con molta probabilità 67 mln di dosi somministrate. Siamo oltre il 65% di popolazione vaccinabile che ha avuto la prima dose, al 57% con la seconda”. Così il ministro della Salute, Roberto Speranza, ad un incontro di ‘Alleanza professione medica’.

“Sono numeri che ci aiutano ad affrontare in modo diverso questa stagione, ma abbiamo bisogno di tenere ancora un livello di massima attenzione, cautela, prudenza”.


Share