E ancora, come era prevedibile, oggi i dati ritornano alla normalità che proprio normalità non è, dato che comunque i dati restano alti, oltre il cinque per cento e oltre trecentosessanta nuovi contagiati

Sono ancora segnalati quattro decessi in un quadro che viaggia con numeri che rispecchiano un andamento che procede con circa un mese di anticipo su quanto successo lo scorso anno. Cosa che potrebbe riportarci in un baratro che avevamo sperato di evitare, almeno quest’anno, già sul finire di questo mese.




L’unico dato positivo è la bassa ospedalizzazione che oggi si registra in tutta Italia, cosa certamente dovuta al vaccino che sta facendo il proprio lavoro.

Sale il contagio a livello nazionale e locale, a pochi giorni dall’entrata in vigore del Green pass obbligatorio. È atteso giovedì un decreto che completerà il campo d’applicazione della certificazione verde. Esclusi i trasporti locali, con ogni probabilità sarà reso obbligatorio per salire su aerei, treni a lunga percorrenza e navi.

Resta in zona bianca anche la Campania, non tanto per i dati preoccupanti, ma proprio per la bassa pressione sugli ospedali. Resta stabile, o con dati lievemente altalenanti da un giorno all’altro, la situazione dei ricoveri e l’occupazione delle terapie intensive negli ospedali della regione.



LEGGI ANCHE

Ecco il decreto Green Pass, obbligatorio per bar e ristoranti e non solo dal 6 agosto

 






Dall’incrocio dei dati odierni dei tamponi molecolari, il tasso di positività, cioè il rapporto tra tamponi lavorati e positivi riscontrati ritorna nella media del periodo e precisamente si ferma a 5,17%, ma oggi si registrano i dati anomali del lunedì,  ieri era a 8,93%.

L’ultimo bollettino dell’Unità di Crisi riporta che nella giornata di ieri sono stati lavorati solo 6.978 tamponi molecolari. Tra questi sono stati riscontrati 361 nuovi positivi. Tutti numeri relativi esclusivamente ai test molecolari.

Indicato, anche se comunque nel computo del tasso di positività sono sostanzialmente inutili e servono solo a falsare i dato nazionale, il numero dei tamponi antigenici rapidi effettuati, oggi sono 2.155, come sempre senza riportare alcun positivo e come sempre impropriamente sommati ai molecolari nella tabella nazionale.

La tabella del Ministero continua a portare dati completamente falsati dal conteggio anche dei tamponi antigenici, oggi 8.272, che fano risultare un tasso di positività molto più basso e ovviamente non reale: oggi la Campania sarebbe al 2,36%.




I contagi in Campania negli ultimi 10 giorni:

Sabato 24 luglio           – 5,05%  – 301 contaggiati
Domenica 25 luglio       – 5,98%  – 115 contagiati
Lunedì 26 luglio            – 3,22%  – 236 contagiati
Martedì 27 luglio           – 4%       – 345 contagiati
Mercoledì 28 luglio        – 4,72%  – 380 contagiati
Giovedì 29 luglio           – 5,02%  – 355 contagiati
Venerdì 30 luglio           – 5,34%  – 471 contagiati
Sabato 31 luglio            – 6,15%  – 377 contagiati
Domenica 1 agosto        – 8,93%  – 194 contagiati
Lunedì 2 agosto             – 5,17%  – 361 contagiati




Negli ospedali regionali sale il numero dei ricoverati in terapia intensiva e i posti letto disponibili oggi sono 645 sui 656 dell’intera rete ospedaliera. 

Cala il numero dei degenti nei reparti ospedalieri dedicati al Covid. La riserva di posti letto scende a 2.937 sui 3.160 disponibili in ambito regionale, sommando strutture pubbliche e private convenzionate.




Situazione Clinica

Il totale dei positivi è di 431.995 da inizio pandemia in Campania, mentre il totale dei tamponi eseguiti arriva a 5.706.661.

I guariti registrati nel report quotidiano sono 909 e salgono in totale a 416.553.

Sono 4 i decessi causa Covid nel report regionale quotidiano, anche se la grafica ne riporta, anche oggi, solo due, morti nelle ultime 48 ore, ma se ne registrano appunto altre due in precedenza e registrate solo ieri. Il numero totale dei morti per il coronavirus in Campania è di 7.602 dall’inizio dell’epidemia.

I positivi con sintomi Covid ricoverati negli ospedali campani oggi sono 223, rispetto a ieri 2 in meno. Nelle terapie intensive il numero dei degenti sale di uno con 11 ricoverati oggi.

Il numero delle persone attualmente positive oggi è di 7.840 (-552), anche  il numero delle persone in isolamento domiciliare oggi risulta essere di 7.606 (-551).

Grafici elaborati da Giuseppe Velardo

Questi i dati del contagio provincia per provincia

– Provincia di Napoli        : 254.677 (+222)
– Provincia di Salerno      : 69.324 (+60)
– Provincia di Avellino     : 20.585 (+16)
– Provincia di Caserta      : 66.765 (+33)
Provincia di Benevento : 12.755 (+12)

Il dato comunque riferisce il riepilogo diffuso dalla Protezione Civile comprendente anche casi già noti ma solo ora confermati. Non sono riportati ulteriori casi in attesa del secondo tampone di conferma.

Covid in Italia: crescono i ricoveri +126 e le intensive +9

Sono 4.845 i positivi ai test Covid individuati nelle ultime 24 ore, secondo i dati del ministero della Salute. Ieri erano stati 3.190.

Sono invece 27 le vittime in un giorno (ieri erano state 23).

Sono 209.719 i tamponi molecolari e antigenici per il coronavirus effettuati nelle ultime 24 ore in Italia. Ieri erano stati 83.223. Il tasso di positività è del 2,3%, in calo rispetto al 3,8% di ieri.

Sono 258 i pazienti ricoverati in terapia intensiva per il Covid in Italia, 9 in più rispetto a ieri nel saldo tra entrate e uscite. Gli ingressi giornalieri sono stati 26 (ieri erano 25). I ricoverati con sintomi nei reparti ordinari sono 2.196, 126 in più rispetto a ieri.

I casi in Italia dall’inizio dell’epidemia sono 4.363.374, i morti 128.115. I dimessi e i guariti sono invece 4.141.043, con un incremento di 3.615 rispetto a ieri. Gli attualmente positivi sono 94.216, in aumento di 1.199 unità nelle ultime 24 ore.

“La lotta al Covid non va in vacanza. Il lavoro negli hub vaccinali di tutta Italia andrà avanti, senza sosta, anche in questo mese di agosto. Oggi ne ho parlato con il Generale Figliuolo. Il vaccino è libertà. Procediamo spediti. E’ la strada giusta”. Così il ministro per le Autonomie, Mariastella Gelmini.


Share