Blitz contro i falsi dentisti nell’area dei monti Lattari e in penisola sorrentina. Il bilancio è di sei denunce a piede libero e di sequestri di attrezzature mediche per un totale complessivo di circa 200mila euro. L’operazione ha interessato i comuni di Gragnano, Agerola, Sant’Antonio Abate e Vico Equense ed è stata effettuata dai carabinieri del Nucleo Antisofisticazione di Napoli.



Nei guai sono finiti anche due falsi medici a Napoli e nel comune di Villaricca. L’attività di controllo rientra nell’ambito di servizi disposti dal comando carabinieri per la tutela della salute. Le forze dell’ordine hanno controllato 6 studi dentistici, all’interno dei quali vi erano altrettanti odontotecnici che svolgevano l’attività di dentista, pur non avendo mai conseguito il diploma di laurea necessario per l’esercizio della professione sanitaria.

Nel corso delle ispezioni i militari hanno interrogato alcuni pazienti presenti nell’ambulatorio, i quali hanno confermato di essere stati visitati e sottoposti alle cure da parte dei titolari degli studi, confidando nella loro professionalità ed ignorando che non possedessero l’abilitazione all’esercizio dell’arte medica.



I responsabili sono stati deferiti all’autorità giudiziaria per esercizio abusivo della professione sanitaria e, nella circostanza, sono state sottoposte a sequestro le sale odontoiatriche interne agli studi medici complete di riuniti odontoiatrici e apparati radiografici utilizzati abusivamente dagli odontotecnici per un valore di oltre 200 mila euro. L’attività di controllo proseguirà anche nei prossimi giorni e interesserà tutti i comuni dell’area stabiese e della penisola sorrentina.