Torna “è Città” la festa ideata e voluta nel 2004 all’indomani del conferimento, da parte dell’allora Presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi, del prestigioso titolo di Città a Pompei. Dopo i vari eventi di cui la città di Pompei è stata protagonista nell’ultimo periodo, adesso è il momento di festeggiare il 17º anniversario di Pompei Città.

La festa viene rilanciata quest’anno dall’amministrazione Lo Sapio con una tre giorni all’insegna della musica, della gastronomia e del teatro, dopo che, dal 2013, i festeggiamenti erano stati sospesi.

L’evento avrà inizio domani venerdì 8 ottobre, dalle ore 19:30. Al centro della prima serata ci sarà una degustazione enogastronomica, o meglio, come ha ritenuto sottolineare il sindaco Carmine Lo Sapio, una vera e propria “dimostrazione” enogastronomica, in una città che negli ultimi anni ha dimostrato di essersi affermata e continuare a crescere come punto di riferimento per una ristorazione di eccellenza sempre più apprezzata e visitata anche per questo aspetto.

Tutte queste iniziative culturali, dato che l’enogastronomia è ormai considerata a tutti gli effetti una espressione culturale, favoriranno l’accoglienza del turismo pompeiano, nettare per la città. La serata sarà accompagnata dal quartetto Jazz “Divieto di Swing“.

I festeggiamenti si prolungheranno anche nei due giorni successivi e durante la mattinata del 9 ottobre l’appuntamento sarà al teatro Di Costanzo Mattiello, dove si terrà la Terza Edizione del Premio Maiuri, come omaggio al grande archeologo di Pompei Amedeo Maiuri, a cui dobbiamo numerosi scavi nella città antica. Il premio quest’anno sarà conferito al professor Aoyagi Masanori, già cittadino onorario di Pompei. Il riconoscimento gli arriva per l’applicazione coordinata delle moderne tecnologie di ricerca negli Scavi Archeologici di Pompei e di Somma Vesuviana.

A seguire lo strabiliante spettacolo dei Tableaux Vivants con un omaggio a Caravaggio. Quadri viventi che vedono in scena attori, modelli o danzatori che diventano attrezzi e scenografi della messa in scena, ricreando ed evocando quadri o immagini celebri.

Sempre all’interno del teatro Di Costanzo Mattiello, alle ore 20:30, si terrà lo spettacolo di cabaret di Biagio Izzo “Un italiano di Napoli”, che regalerà emozioni positive e leggerezza al pubblico.

L’ultimo giorno di festeggiamenti in onore della di Pompei Città, sarà domenica 10 ottobre dove a partire dalle ore 19:30 avverrà, con grande orgoglio, la premiazione dei campioni pompeiani dello sport. Un nome su tutti, Gianluigi “Gigio” Donnarumma, portierone azzurro, artefice della vittoria dell’Italia ai Campionati Europei di Calcio. Con lui anche Aniello Sabatino, campione di canottaggio a livello internazionale e Antonio Garofalo, il giovane talento di Pompei, che a soli 13 anni è record italiano nei 50 Nuoto con ostacoli e detentore del primato italiano.

A chiusura della Festa della Città un concerto pop-sinfonico, diretto da Alfonso Todisco, con l’ambizioso obiettivo di valorizzare i giovani del territorio attraverso la diffusione della cosiddetta “musica colta”. L’esibizione conclusiva dell’Artemus Ensamble assieme alla band Storie Distratte con arrangiamenti delle musiche di Fabrizio De Andrè, omaggiando il grande cantautore genovese a 20 anni dalla scomparsa.

Pompei è Città, e allora festa sia, ma sempre rispettando le norme anti-Covid. Per partecipare agli eventi sarà necessario essere in possesso del Green Pass e sarà anche necessario prenotarsi ai vari eventi a cui si vorrà partecipare sull’indirizzo email: eventi@comune.pompei.na.it.


Ma Pompei oltre alla festa per questo 17º anniversario, dimostra di essere una città diretta orgogliosamente verso una crescita, sociale, culturale ed economica.

Lo stesso sindaco di Pompei ha annunciato, a chiusura della conferenza stampa di presentazione dei festeggiamenti, che presto si rimetterà mano al SIAD (Strumento ad Intervento per le Attività Distributive), ossia un vero e proprio piano commerciale per la città, fermo dal 2006.

«Pianificare secondo la vocazione della nostra città – dice Lo Sapio – è parte pulsante del Piano Urbanistico Comunale».

Entrerà in vigore anche il progetto RFI, che riguarda tutta l’area archeologica. L’intera area a sud di Via Plinio sarà pedonalizzata, fino all’ingresso degli Scavi di Pompei.

Francesca Tufano