Si arriva al terzo ballo del girone C di Europa League per il Napoli, che affronta il Legia Varsavia al Maradona per chiudere quindi le tre partite di andata. Spalletti non può ammettere errori dopo il pareggio di Leicester e la sconfitta penosa contro lo Spartak Mosca, risultati che hanno permesso agli azzurri di mettere in saccoccia solamente un punto su 6.



Si tratta di una partita a due facce, con un Legia Varsavia che ci aspettiamo arrembante, forte anche del suo primo posto ottenuto non per caso secondo Koulibaly in conferenza stampa. Dal canto suo, il Napoli è sulla carta nettamente più forte dei polacchi, e se si mette d’impegno può vincere ad occhi chiusi.

In conferenza stampa, ieri, Spalletti ha confermato che il Napoli non può permettersi altro che non sia la vittoria. Inoltre l’allenatore toscano ha ribadito che bisogna prima pensare alla squadra polacca poi concentrarsi sul big match contro la Roma che potrà dire al Napoli se è squadra.



Ci si aspetta un leggero turnover, che però secondo Spalletti non è un termine corretto: “Voi parlate di turnover, io di passà ‘o turn”. Tornando al turnover, è certo che Osimhen non giocherà dal primo minuto, cosa che gli permetterà di riposare in vista della Roma. Al suo posto si contendono una maglia Mertens e Petagna, con il belga favorito seppur non al top. Bisogna poi correre ai ripari a causa della squalifica di Mario Rui, che Spalletti rattopperà con uno fra Zanoli e Juan Jesus. Confermatissimo Rrahmani, in campo anche Meret, Demme e Lozano.




L’allenatore avversario Michniewicz opterà invece per un 3-5-1-1 con Miszta a difesa dei pali, supportato dai centrali Jedrzejczyk, Wieteska e Nawrock. Galopperanno sulla fascia Johanssonn sull’out di sinistra e Mladenovic sul destro. A centrocampo Slisz, Kharatin e Martins, mentre la prima punta sarà Emreli, con il supporto del più arretrato Josuè.

Insomma, per il Napoli esiste un solo risultato, ovvero la vittoria: in caso contrario le speranze di primo posto sarebbero ridotte al lumicino.

Giuseppe Garofalo



Donazione sostieni il Gazzettino Vesuviano