Il miglior Napoli della stagione infligge a Sarri una lezione di Sarrismo: è poker!

Nella notte di Maradona gli azzurri si riscattano giocando un calcio splendido e onorando al meglio il più grande di tutti i tempi. E’ primo posto in solitaria

105

Che meraviglia il Napoli di stasera: Lazio demolita con un 4-0 che poteva tranquillamente tramutarsi anche in 10-0. Azzurri splendidi, che, al ritorno di Sarri al San Paolo, infliggono una lezione di Sarrismo al toscano.

Un possesso palla perfetto della formazione di Spalletti, che prepara al meglio la partita: i suoi non sbagliano niente, proprio nella notte delle notti, nella quale si ricorda il Maestro, colui che ha ispirato i calciatori di oggi: Diego Armando Maradona, che con la sua statua ha vegliato sulla partita.

Con questa vittoria, complice un altro passo falso del Milan, il Napoli torna al primo posto in solitaria, lo fa di giustezza, ma ora guai ad adagiarsi perché Atalanta e rossoneri possono rappresentare scogli sui quali il Napoli può inciampare.

Lazio che subito si ritrova spaesata sul prato del Maradona, contro un Napoli che fa capire da subito che sarà una serata in discesa. E dopo 7 minuti, Zielinski raccoglie un rimpallo e di prepotenza mette la palla in rete, tagliando il nastro per una giostra offerta dal Napoli.

Dopo 3 minuti ecco che arriva subito il raddoppio, targato Mertens, probabilmente il migliore della serata, che chiude al meglio un’azione perfetta con un dribbling e un destro imprendibile. Osservate il minuto del gol: 10. Sì, Maradona ha assistito il Napoli in tutto e per tutto e lo si vede anche dal numero.

Lobotka e Fabiàn Ruiz sembrano ispiratissimi, la difesa solida reagisce quando chiamata in causa, attacco sugli scudi, specialmente Mertens, ottimi anche Insigne e Lozano.

Parecchie occasioni bussano alla porta di Reina, che però più volte neutralizza.

Dopo uno squillo di Luis Alberto, il Napoli trova al 29’ il gol che già mette il sigillo alla partita e lo firma ancora Mertens: stavolta il belga disegna un destro spettacolare che richiama alla mente l’eurogol realizzato con l’Empoli all’era di Ancelotti.


Ancora gioco, ancora divertimento, ancora emozioni al Maradona, con il secondo tempo come è giusto che sia si abbassa l’intensità e si prova a tenere di più il possesso palla, cosa che riesce alla grande ai ragazzi di Spalletti. Ovviamente le occasioni non mancano e verso la fine della gara Fabiàn Ruiz pennella ancora una volta col suo educato sinistro: palla nell’angolino e il Napoli cala il poker.

Che dire, meglio non si poteva desiderare: stadio colmo per Maradona, prestazione superlativa, poker e primo posto in solitaria. La Maradona Night è dolcissima per il Napoli. E la vittoria, inutile dirlo, è per lui: D10S vive.

Giuseppe Garofalo