“Bisogna essere intelligenti e responsabili”, lo ha detto il presidente della Giunta regionale della Campania, Vincenzo De Luca, parlando di contrasto alla quarta ondata a margine di una visita al museo Madre di Napoli.

“La Campania ha fatto una campagna di sensibilizzazione ad agosto. Ricorderete i grandi manifesti che abbiamo affisso per invitare tutti a vaccinarsi. Sapevamo che sarebbe arrivata la quarta ondata”.

Il monito del governatore è sempre lo stesso: “Se saremo responsabili, se indosseremo la mascherina sempre ed anche all’esterno, se facciamo un poco di sacrificio con un poco di prudenza e completiamo la campagna di vaccinazione io credo che potremo guardare al futuro con fiducia. Ma se rimaniamo immobili – conclude De Luca – questa ondata di contagio rischia di travolgerci”.

Sulla vaccinazione ai bambini, De Luca ha affermato che nelle dosi prescritte “è indispensabile”.


“La mia idea – ha aggiunto – è quella di realizzare dei centri vaccinali per i bambini e dedicati ai bambini ed è anche quella di impegnare fino in fondo i pediatri di libera scelta e di famiglia”.

Poi il presidente campani è ritornato ad essere fortemente critico sull’azione e la comunicazione del Governo: “Quello che è accaduto ieri in merito alle scuole è sconvolgente. E meno male che ci sono le Regioni, perché se dipendesse da quello che fa Roma saremmo davvero rovinati”. Ovviamente il riferimento è a quanto accaduto in poche ore con le varie circolari ministeriali che determinavano, prima, la chiusura delle classi con un solo contagiato, subito poi rettificato, riportando nuovamente a tre contagiati il minimoper chiudere una classe. “Nel giro di 24 ore hanno dato dapprima l’indicazione a chiudere le scuole con un solo contagio e in serata hanno cambiato di nuovo opinione. E qualcosa di sconvolgente”.