Da un lato la festa sul lungomare, orfana comunque dello spettacolo del cantante Antoniello Venditti rinviato, ma che ha regalato comunque moltissime emozioni ai cittadini di Castellammare di Stabia ed a tutto il comprensorio, con l’accensione delle luminarie e dei falò in sicurezza sull’arenile. Dall’altro lato la città blindata con un dispiegamento impressionante di forze dell’ordine per impedire o comunque limitare l’accensione dei “fucaracchi” illegali nei quartieri, entrati sempre più nel mirino delle autorità dopo il 2018 quando alcuni balordi del quartiere “Savorito”, oggi a processo, incendiarono un manichino mostrando la scritta “Meglio morti che pentiti”. Da allora la tradizione dell’Immacolata a Castellammare non è più la stessa.

E’ questo il quadro complessivo della festa dell’Immacolata a Castellammare. “A seguito del tavolo tecnico presso la Prefettura di Napoli, – aveva comunicato l’amministrazione – è stata rimarcata e consolidata la piena e totale sinergia tra l’amministrazione comunale e le forze dell’ordine per prevenire e contrastare il fenomeno dei falò illegali dell’Immacolata. In linea con l’esigenza, già manifestata negli anni passati, di allontanare i cittadini dai quartieri, saranno accesi i falò sull’arenile in condizioni di assoluta e totale sicurezza. Non avrà luogo invece lo spettacolo pirotecnico al fine di ridurre il rischio di assembramenti anche in altre aree in cui la visuale è privilegiata, nel pieno rispetto delle normative vigenti anti-Covid.

L’evento culturale e il concerto di Antonello Venditti è stato rinviato infine a nuova data, a causa delle condizioni meteorologiche avverse che hanno impedito il montaggio e l’allestimento del palco in condizioni di sicurezza. Ma l’evento sarà recuperato in una nuova data che sarà comunicata in accordo con l’artista. L’appuntamento è per questa sera alle 23 in villa comunale: illumineremo il nuovo albero in allestimento nei pressi della Cassarmonica e a seguire ci sarà l’accensione dei fucaracchi!”.

Alle ore 23 circa, quindi, alla presenza del sindaco di Castellammare di Stabia Gaetano Cimmino, si è illuminato l’albero di Natale installato in villa comunale nei pressi della Cassarmonica. Un bellissimo momento seguito da migliaia di persone che sono giunte sul lungomare. Poco dopo sul Grande Arenile di Stabia sono state incendiate tre pire di legname dando continuità alla tradizione tutta stabiese dell’Immacolata.

Parallelamente nei quartieri forze dell’ordine e vigili del fuoco, già impegnati da giorni in sequestri di legname, hanno presidiato il territorio. Alcuni fucaracchi sono comunque stati dati alle fiamme al rione San Marco ed al rione Tavernola, senza registrare incidenti o problemi di ordine pubblico. Unico momento di criticità una lite al viale Europa che sarebbe finita con l’esplosione di alcuni colpi di pistola ed il ferimento di un uomo di Gragnano.

Donazione sostieni il Gazzettino Vesuviano
Condividi
PrecedenteDall’8 al 12 dicembre torna Sorrento Chocoland
SuccessivoCastellammare, la discoteca del clan sarà acquisita al patrimonio comunale
Il giornale “il Gazzettino vesuviano”, fondato nel 1971 da Pasquale Cirillo e attualmente diretto da Gennaro Cirillo, si interessa principalmente delle tematiche legate al territorio vesuviano e campano; dalla politica locale e regionale, a quella cultura che fonda le proprie radici nelle tradizioni ed è alla base delle tante associazioni e realtà che operano sul territorio.Siamo impegnati a garantire la massima qualità e la massima integrità nel nostro lavoro giornalistico. Ci impegniamo a mantenere alti standard etici e professionali, evitando qualsiasi conflitto di interesse che possa compromettere la nostra indipendenza e la nostra imparzialità.Il nostro obiettivo è quello di fornire ai nostri lettori notizie e informazioni affidabili su una vasta gamma di argomenti, dalle notizie di attualità ai reportage approfonditi, dalle recensioni ai commenti e alle opinioni. Siamo aperti a suggerimenti e proposte dai nostri lettori, e ci impegniamo a mantenere un dialogo aperto e costruttivo con la nostra community.