Wow Green House Aversa, si torna al PalaJacazzi, Di Meo: “Vinciamo per i nostri tifosi”

Definito il recupero contro la Falù Ottaviano

31

Tornare alla vittoria davanti al proprio pubblico e ‘chiudere’ il girone di andata nel migliore dei modi. Questo l’obiettivo della Wow Green House Aversa che domani (domenica 16 gennaio) scenderà in campo alle 16 contro la Opus Sabaudia e poi di nuovo in campo ma questa volta alle 20.30 mercoledì 19 gennaio per il recupero con la Falù Ottaviano per la gara valida come ultima giornata del girone di andata.



A presentare la gara il presidente Sergio Di Meo: “E’ un momento davvero importante della nostra stagione. Abbiamo reagito alla grande dopo la sosta, contro Massa abbiamo giocato con grandissima qualità i primi due set, forse i migliori della stagione. Reazione importante da parte di tutti, anche da Starace e Morelli che sono stati fermi per infortunio e sono tornati ad essere protagonista. Contro Sabaudia tornerà a disposizione anche Bonina e sarà un valore aggiunto per questo girone di ritorno”.

Il presidente poi parla di questo girone di ritorno e della gara di recupero contro Ottaviano che chiuderà il girone di andata (è ufficiale il recupero mercoledì 19 gennaio alle 20.30): “Servono 6 punti nelle prossime due gare. Contro Sabaudia vogliamo ritrovare i 3 punti davanti ai nostri tifosi mentre sempre al PalaJacazzi contro la Falù vincere significherebbe chiudere al primo posto il girone di andata e quindi ottenere dei ‘vantaggi’ per la Coppa Italia. Non dobbiamo commettere l’errore di pensare già alla gara con Palmi, ragioniamo partita per partita e conquistiamo più punti possibili”.




Il 26 gennaio poi ci sarà l’esordio in Coppa e Di Meo sottolinea che “è un obiettivo primario della nostra società. Vogliamo andare più avanti possibile, e puntiamo alla vittoria finale. L’ultimo atto sarà in diretta su Raisport, l’ho voluto fortemente come membro del consiglio di amministrazione della Lega. E’ una vetrina importante per la Serie A3 e per il nostro club: vogliamo arrivarci e alzare la Coppa. Gli atleti hanno nel contratto un premio per il successo, e – dice sorridendo – sarò felice di fare questo ulteriore ‘investimento’ per donare alla nostra città un altro trofeo così importante”.