Un bravo al portiere del Barano, Mennella che dall’alto della sua esperienza ha salvato la squadra da un punteggio che poteva essere molto più pingue, ma il tre a zero c’è tutto. Il Savoia c’è tutto, non ha maramaldeggiato, ma ha tenuto sempre in pugno la gara controllando il centrocampo e lanciando le sue frecce avvelenate verso la porta isolana.




Chi ha segnato? Domanda superflua, due goal del Ninja Esposito ed uno di Trimarco che va in rete per la seconda volta. Per il resto poche le note suonate dalla Banda baranese e quelle poche sono state ben neutralizzate dal sempre più bravo Marione Landi che ha saputo ben intuire alcune delle rare azioni avversarie.

C’è ancora tempo per i bilanci finali, siamo appena alla seconda giornata del girone di ritorno, ma questa squadra sta girando ad un buon ritmo, ma guai a perdere la concentrazione.



Bisogna sempre essere al top per poter sognare e far intravedere al pubblico quella cosa che fino a qualche mese fa, sarebbe stata solo utopia ed ora è realtà.

“Ricordiamoci però che non abbiamo ancora vinto niente, ma non dimentichiamo la nostra forza, nè umili nè gradassi, bisogna soltanto giocare come sappiamo fare con concentrazione. Domenica nuovo ostacolo, quel Napoli United che al girone di andata ci lasciò con qualche rimorso e con tante brutte figure fatte da qualcuno che somiglia poco al padre che era il Dio del pallone e non solo”.

Si vabbè ma mò stamm jucann buono e a me me piace sta squadra… D’accordo ma facciamo sempre attenzione ci vuole solo la forza e sapere di essere in gioco… NON MOLLARE MAI come dice il Zac…

Ernesto Limito