Questa mattina, nelle province di Napoli, Salerno e Benevento, i carabinieri della  Compagnia di Nola, hanno dato esecuzione a una misura cautelare personale. Quattro in carcere, uno agli arresti domiciliari, ma in totale sono dieci gli indagati gravemente indiziati, a vario titolo, dei reati di associazione finalizzata al traffico di stupefacenti, detenzione di stupefacenti ai fini di spaccio e detenzione illegale di armi.



Per gli altri cinque sempre indagati dello stesso reato, per uno emesso il divieto di dimora nel comune di San Gennaro Vesuviano, per un altro indagato invece, l’obbligo di dimora nel comune di Benevento e infine, per altri tre l’obbligo di presentazione alla Polizia Giudiziaria.

Queste tutte le misure emesse dal Gip del Tribunale di Napoli su richiesta della locale Direzione Distrettuale Antimafia, nei confronti delle dieci persone finite nelle maglie degli investigatori.



Le indagini, condotte dalla Stazione dei Carabinieri di Palma Campania, hanno permesso di documentare le dinamiche inerenti all’attività di spaccio di stupefacenti (cocaina, marijuana e hashish) nei comuni di San Gennaro Vesuviano, Palma Campania, Poggiomarino, Benevento e aree limitrofe gestito dai dieci indagati, a cui facevano capo numerosi pusher operanti nell’area nolana.

Nel corso delle investigazioni, sono state tratte in arresto in flagranza di reato ulteriori quattro persone, con sequestro di un’arma clandestina e sostanze stupefacenti di vario genere.

Il provvedimento eseguito è una misura cautelare disposta in sede di indagini preliminari, avverso cui sono ammessi mezzi di impugnazione e i destinatari di essa sono persone sottoposte alle indagini e, quindi, presunte innocenti fino a sentenza definitiva.




I soggetti destinatari delle misure sono i seguenti:

  • Custodia cautelare in carcere:
    1. Cozzolino Luigi (nato ad Ottaviano (NA) il 19.01.1982);
    2. La Marca Giuseppe (nato ad Ottaviano (NA) il 17.12.1972);
    3. Maffettone Angelo (nato a Nola (NA) il 16.04.1977);
    4. Merola Michele (nato a Sarno (SA) il 20.03.1986);
  • Arresti domiciliari:
    5. Pepe Alessandro (nato a Napoli il 29.05.1978);
  • Divieto di dimora nel comune di San Gennaro Vesuviano:
    6. Giugliano Raffaele (nato a San Gennaro V.no il 03.11.1991);
  • Obbligo di dimora nel comune di Benevento:
    7. D’Avino Maurizio (nato a Somma Vesuviana (NA) il 02.01.1974);
  • Obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria:
    8. Guerriero Paolo (nato a Nola il 07.06.1981;)
    9. Bonagura Vincenzo (nato a San Gennaro V.no il 25.07.1991);
    10. Riso Francesco (nato a San Giuseppe V.no (NA) il 16.05.1981).



Donazione sostieni il Gazzettino Vesuviano
Condividi
PrecedenteAutomobilismo sportivo, abilitati 23 Ufficiali di gara dell’ACI Napoli
SuccessivoNapoli, Centro storico: somministra alcolici a due minori, bar chiuso per 30 giorni
Il giornale “il Gazzettino vesuviano”, fondato nel 1971 da Pasquale Cirillo e attualmente diretto da Gennaro Cirillo, si interessa principalmente delle tematiche legate al territorio vesuviano e campano; dalla politica locale e regionale, a quella cultura che fonda le proprie radici nelle tradizioni ed è alla base delle tante associazioni e realtà che operano sul territorio.Siamo impegnati a garantire la massima qualità e la massima integrità nel nostro lavoro giornalistico. Ci impegniamo a mantenere alti standard etici e professionali, evitando qualsiasi conflitto di interesse che possa compromettere la nostra indipendenza e la nostra imparzialità.Il nostro obiettivo è quello di fornire ai nostri lettori notizie e informazioni affidabili su una vasta gamma di argomenti, dalle notizie di attualità ai reportage approfonditi, dalle recensioni ai commenti e alle opinioni. Siamo aperti a suggerimenti e proposte dai nostri lettori, e ci impegniamo a mantenere un dialogo aperto e costruttivo con la nostra community.