Oggi pomeriggio, l’Amministrazione Comunale guidata dal Sindaco Daniele Milano, procederà alla riapertura della stradina pedonale di Via Annunziatella che crollò il 2 febbraio 2021, invadendo la sottostante carreggiata della statale 163 e spezzando in due la Costiera Amalfitana per alcuni mesi.

«La Città di Amalfi si appresta definitivamente a ricucire la ferita apertasi con il terribile crollo del 2 febbraio dello scorso anno. – dichiara il primo cittadino – Ancora poche settimane di lavoro e sarà smontata l’impalcatura, rendendo così visibile la nuova struttura alla Città».

Dopo alcuni mesi caratterizzati da interventi di bonifica, messa in sicurezza e ripristino della viabilità e dell’attraversamento pedonale realizzati con importanti opere di ingegneria anche la stradina che collega il centro di Amalfi con il rione di Vagliendola sarà finalmente fruibile dai cittadini residenti e dai tanti turisti che hanno iniziato a popolare la Città.



Gli interventi sono stati finanziati dalla Regione Campania con 3,3 milioni di euro e, grazie all’impulso impresso dal Governatore Vincenzo De Luca, hanno seguito sin da subito un iter accelerato proprio in ragione della particolare emergenza vissuta dal territorio.

Il nuovo tratto di strada, con il completamento della posa dei sottoservizi e della pavimentazione, corre su sei archi ancorati alla roccia. Un’idea progettuale, autorizzata lo scorso anno dalla Soprintendenza di Salerno, che porta la firma del prof. Michele Brigante al quale il Comune di Amalfi affidò l’incarico di ripensare la costruzione del tratto di strada crollato. Il progetto non solo ha consentito di rinforzare il calpestio ma garantisce, appena sarà smontata l’imponente impalcatura un ingombro minore ai lati della sottostante carreggiata che le ditte incaricate da Anas hanno ricostruito ripristinando la viabilità qualche giorno prima del 25 aprile 2021.



Gli interventi del Comune di Amalfi coordinati dal responsabile del settore Lavori Pubblici, ing. Pietro Fico ed eseguiti sotto la direzione dell’ing. Pietro Moretti, hanno riguardato, oltre alla messa in sicurezza dell’area interessata dallo smottamento, la ricostruzione di parte della strada pedonale che consentiva ai cittadini di accedere alle proprie case nel rione di Vagliendola e il ripristino dei sottoservizi. Gli interventi sono stati necessari a garantire il completamento del quadro di mitigazione del rischio e sono proseguiti attraverso l’utilizzando un’impalcatura a protezione della sede stradale sottostante e, così da garantire la viabilità e il ripristino dei collegamenti per tanti cittadini che per oltre due mesi furono tagliati fuori dalla mobilità ordinaria in Costiera Amalfitana.

Per il completamento dei lavori mancano soltanto gli intonaci sugli archi che sorreggono la stradina pedonale e le lavorazioni di messa in sicurezza del costone adiacente all’area di frana che richiederanno ancora qualche settimana. A tal proposito, si ricorda che già da domenica 13 marzo 2022 e per la durata di un mese è interrotto il transito dalle 23:30 alle 6:00, con esclusione delle notti tra venerdì e sabato, nonché tra sabato e domenica, per constare l’ultimazione degli interventi di messa in sicurezza al costone roccioso.