Avevano trasformato i locali tecnologici in locali residenziali in particolare veniva constatata la realizzazione di manufatti in muratura con destinazione residenziale, in ampliamento, mentre da progetto originario del costruttore era prevista la realizzazione di locali tecnologici.

Inviate alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Nola 19 informative di reato per violazione dell’art. 31 del DPR 380/2001 da parte del nucleo antiabusivismo edilizio della Polizia Locale di Volla appositamente istituito e diretto dal Comandante della Polizia Locale Ten. Colonnello Giuseppe Formisano.




Inoltre, convalidato dal Giudice delle indagini preliminari del Tribunale di Nola, anche un sequestro eseguito dalla Polizia Locale di Volla perché legittimamente eseguito in quanto vi era il concreto pericolo che la libera disponibilità delle opere abusive, non ultimate, da parte dell’indagato poteva determinare la protrazione e l’aggravamento delle conseguenze del suddetto reato.

I controlli in materia di antiabusivismo edilizio, in genere e per questo tipo di reato (trasformazione di locali tecnologici in unità residenziale), continueranno su tutto il territorio.