Bis Demare, dopo la Catania-Messina vince anche la sesta tappa!

Vittoria al fotofinish della maglia ciclamino, la seconda di fila, in una tappa che supera le 5 ore. Lopez Perez intanto conserva ancora la Maglia Rosa

25

Ancora Arnaud Demare. Il ciclista del team Groupama piazza la seconda vittoria di fila al Giro e conserva al meglio la maglia ciclamino. E che vittoria di Demare: se ieri è arrivato primo per poco, oggi alla Palmi-Scalea è servito il fotofinish a decretare la sua vittoria.

Dietro di lui allestiscono un podio fantastico Caleb Ewan e Mark Cavendish, ai quali sembra che questo Giro stia voltando un po’ le spalle: Cavendish ha vinto almeno la terza tappa, oggi Ewan ha assaporato la possibilità di vincerne una, ma, roba di centimetri, è costretto a rimandare l’appuntamento con il primo posto.



Lopez Perez intanto conserva ancora la Maglia Rosa: oggi il corridore della Trek-Segafredo ha concesso solo un secondo a Kamna, tenendolo comunque ancora a 38 preziosissimi secondi.

Oggi è stata una tappa estremamente lunga: sono stati percorsi ben 192 chilometri, in un tempo pazzesco di 5 ore, 2 minuti e 33 secondi.

Stavolta a regalare sogni all’Italia ciclistica (ma per l’ennesima volta invano) è stato Diego Rosa, in fuga per 151 chilometri, prima di essere poi raggiunto dal gruppo inseguitore, dove poi a prevalere è stato Arnaud Demare.




Domani il tracciato della settima tappa attraverserà due regione: si parte infatti da Diamante, in Calabria, e l’arrivo è fissato a Potenza, in Basilicata.

Tappa bella dura quella di domani, in cui i ciclisti viaggeranno per 196 chilometri, inoltre si metterà di mezzo un percorso pieno di salite complicate in cui le gambe si stancheranno e non poco. Quattro stelline di difficoltà per questa tappa, che ci potrà raccontare molto sul vincitore finale del Giro. E attenti a Lopez Perez, che sulla Avola-Etna, tappa ricca di salite, è arrivato secondo e potrebbe allungare per la Maglia Rosa.

Giuseppe Garofalo