napoli-ragazzo-accoltellato

La lite, la rissa, poi sono stati estratti i coltelli: violenza dilagante a Napoli dove ieri pomeriggio due minorenni sono stati feriti. L’episodio è avvenuto sugli scogli di Marechiaro dopo una lite con un gruppo di coetanei. I due giovanissimi, di 16 e di 17 anni, sono ricoverati in gravi condizioni.



Napoli, ennesimo episodio di violenza tra giovani

Subito dopo la lite i ristoratori della zona sono richiamati da grida d’aiuto. A quel punto i commercianti sono accorsi ed hanno prestato i primi soccorsi ai feriti insanguinati. I due sono poi trasportati in ospedale dove sono stati sottoposti ad un delicato intervento chirurgico. Per loro la prognosi resta al momento riservata. Sull’episodio stanno indagando gli agenti della polizia di stato di Napoli.

Il sindaco di Napoli: “Le forze dell’ordine stanno facendo tanto”

Il sindaco di Napoli Gaetano Manfredi è intervenuto per commentare gli episodi di violenza giovanile che si sono verificati nel weekend. “E’ una questione di ordine pubblico su cui c’è anche un ruolo del Comune. – ha detto il primo cittadino partenopeo – Il problema però deve essere risolto con un grande impegno delle forze dell’ordine che stanno facendo tanto”.



“Fenomeno che si sta diffondendo sempre di più”

Manfredi, sottolineando che si tratta di “un fenomeno delinquenziale che si sta diffondendo sempre di più”, ha ricordato che il tema è incardinato in Prefettura in sede di Comitato per l’Ordine e la sicurezza con l’obiettivo ”di presidiare alcuni luoghi più simbolici della città e migliorare e razionalizzare la presenza di vigili urbani e forze dell’ordine”.

“Violenza giovanile spesso ingiustificata: motivi futili”

“Si tratta di un fenomeno – ha evidenziato Manfredi – che trova le sue radici in una violenza giovanile spesso ingiustificata perché le aggressioni avvengono per motivi davvero futili e dunque serve grande attenzione da parte di tutti per cercare di frenare fenomeni diventati assolutamente preoccupanti”.