Nonostante il parere contrario espresso dalla Procura di Napoli, è stato scarcerato Concetto Bocchetti.

L’uomo di 46 anni, colpevole, insieme con la ex compagna Alessandra Terracciano, di 36 anni, era stato condannato lo scorso febbraio a 6 anni di reclusione in quanto accusato e ritenuto responsabile dell’abbandono e delle lesioni inflitte al figlio, Vincenzo, il bimbo venuto alla luce in un’abitazione di Portici il 16 marzo dello 2021 e trovato in fin di vita 4 giorni dopo la nascita, con evidenti segni di ustione.

A deciderlo è stata la sesta sezione penale del Tribunale di Napoli (collegio B) che ha accolto l’istanza presentata dal legale di Bocchetti, l’avvocato Fabio Della Corte.

I giudici hanno contestualmente disposto gli arresti domiciliari per l’uomo.

La decisione è stata adottata, spiega l’autorità giudiziaria, in considerazione, tra l’altro, del ruolo svolto da Bocchetti nella triste vicenda, “…sottodimensionato rispetto a quello della coimputata Terracciano Alessandra…“, in considerazione del fatto che il 46enne ha già “…sofferto un periodo di carcerazione pari a oltre un anno e due mesi…” e anche tenendo conto che “…l’originaria imputazione di lesioni volontarie gravissime è stata modificata in quella colposa…“.