Quattordici anni di reclusione, per omicidio volontario, questa la pena comminata a Giuseppe Greco, il 28 enne di Marano che un anno fa uccise due rapinatori in via Antica Consolare Campana.

Il giovane era stato rapinato di un Rolex, così riferì agli inquirenti, e di aver reagito  inseguendo con la una Smart i due banditi. Poi l’epilogo: il contatto tra i due mezzi, l’uscita di strada e l’impatto contro un muro. I due, Ciro Chirollo, 30 anni e Domenico Romano, 39 anni, entrambi residenti a Sant’Antimo e già noti alla giustizia, persero la vita.

Il pubblico ministero aveva chiesto 12 anni di reclusione per Greco, con il riconoscimento delle attenuanti per la provocazione subita. Attenuante che invece non è stata riconosciuta dal giudice di Napoli nord Farina.

Due rapinatori morti a Marano: indagato a piede libero il 26enne proprietario dell’auto

 

Donazione sostieni il Gazzettino Vesuviano
Condividi
PrecedenteAbbigliamento contraffatto, blitz a Pagani: sotto sequestro 37mila prodotti
SuccessivoCastellammare, auto parcheggiata sui binari di “Via Nocera” blocca la Circumvesuviana: le immagini virali
Il giornale “il Gazzettino vesuviano”, fondato nel 1971 da Pasquale Cirillo e attualmente diretto da Gennaro Cirillo, si interessa principalmente delle tematiche legate al territorio vesuviano e campano; dalla politica locale e regionale, a quella cultura che fonda le proprie radici nelle tradizioni ed è alla base delle tante associazioni e realtà che operano sul territorio.Siamo impegnati a garantire la massima qualità e la massima integrità nel nostro lavoro giornalistico. Ci impegniamo a mantenere alti standard etici e professionali, evitando qualsiasi conflitto di interesse che possa compromettere la nostra indipendenza e la nostra imparzialità.Il nostro obiettivo è quello di fornire ai nostri lettori notizie e informazioni affidabili su una vasta gamma di argomenti, dalle notizie di attualità ai reportage approfonditi, dalle recensioni ai commenti e alle opinioni. Siamo aperti a suggerimenti e proposte dai nostri lettori, e ci impegniamo a mantenere un dialogo aperto e costruttivo con la nostra community.