L’Appennino Bike Tour arriva in Campania e fa tappa a Pietrelcina (BN) e Guardia Lombardi (Av)

Dal 21 giugno al 21 luglio dalla Liguria alla Sicilia in bici con Legambiente e Vivi Appennino per riscoprire l’Italia dei piccoli borghi tra natura e bellezze nascoste

26
L’Appennino Bike Tour arriva in Campania e fa tappa a Pietrelcina (BN) e Guardia Lombardi (Av)

L’Appennino Bike Tour arriva in Campania e fa tappa a Pietrelcina (BN) e Guardia Lombardi (Av). Dal 21 giugno al 21 luglio dalla Liguria alla Sicilia in bici con Legambiente e Vivi Appennino per riscoprire l’Italia dei piccoli borghi tra natura e bellezze nascoste.

Dopo le tappe in Liguria, Lombardia, Emilia-Romagna, Toscana, Lazio, Umbria, Abruzzo e Molise, Appennino Bike Tour è arrivata in Campania a Pietrelcina e Guardia Lombardi. Organizzata da Legambiente e Vivi Appennino con Misura, la campagna itinerante che dal 21 giugno al 21 luglio sta percorrendo la Ciclovia dell’Appennino dalla Liguria alla Sicilia con l’obiettivo di promuovere un turismo dolce lungo le aree interne e i piccoli borghi italiani coniugando mobilità sostenibile, sport e scoperta del territorio.

A Pietrelcina Sebastiano Venneri, direzione nazionale Legambiente, Federica Ghinelli, segreteria organizzativa di Vivi Appennino e Armando Ciardiello, presidente del circolo Legambiente Valle Caudina, hanno presentato l’app Ciclo APPennino realizzata da Misura, novità di questa edizione 2022 dell’Appennino Bike Tour, che raccoglie a portata di click oltre 300 punti di interesse, eventi e notizie; la guida ciclo turistica “Appennino Bike Tour” curata da Sebastiano Venneri edita da Mondadori. Nel corso della tappa campana il consigliere con delega alle Politiche giovanili, Cosimo Iadanza ha firmato il Manifesto per la democrazia energetica promosso da Legambiente e Kyoto Club che chiede di superare l’attuale modello centralizzato di produzione energetica fatto da grandi impianti alimentati a combustibili fossili, inquinanti e climalteranti a favore di una produzione da fonti rinnovabili e diffusa.

Premiati anche gli ambasciatori dell’Appennino, il riconoscimento assegnato da Legambiente a quanti si sono distinti nell’attività di presidio e promozione del territorio è andato a: Mariapina e Antonio Fontana, Tenuta Fontana, un’azienda agricola di produzione, trasformazione e commercializzazione di vini di qualità per l’impegno nel far conoscere un territorio e le sue risorse, la storia e la cultura, le tradizioni e i piatti tipici. Che possa aiutare a tutelare a promuovere l’ambiente, insegnare a rispettare la natura.

«La Ciclovia dell’Appennino è un esempio tangibile di buona collaborazione fra volontariato, imprenditoria privata e pubblica amministrazione – dichiara Sebastiano Venneri, portavoce nazionale Legambiente -. In questi anni abbiamo lavorato con i Comuni interessati e con il Ministero per disegnare un percorso meraviglioso che tocca luoghi preziosi e fragili. Grazie al contributo di Misura, il nostro partner commerciale, siamo riusciti ad attrezzarla facendone un prodotto turistico unico per il nostro Paese e dando una risposta efficace alla domanda di cicloturismo esplosa proprio in questi anni. Ci auguriamo che il modello messo a punto con Appennino Bike Tour possa essere replicato da altri soggetti per moltiplicare le occasioni di vacanze in bicicletta e le opportunità di crescita dei territori».

«Legambiente Campania è orgogliosa di iniziative come Appennino Bike Tour che valorizzano le peculiarità tipiche dei territori rilanciandole in chiave sostenibile, proprio in un momento come questo dove tutti tocchiamo con mano i drammatici effetti dei cambiamenti climatici innescati dalla voracità dell’uomo sull’ambiente», commenta Michele Buonomo di Legambiente Campania

Seconda tappa campana, questa mattina, a Guardia Lombardi (AV). Hanno preso parte all’evento Francescantonio Siconolfi, sindaco di Guardia Lombardi, Giovanni Montemarano, Consigliere di Guardia Lombardi,Sebastiano Venneri, direzione nazionale Legambiente, Federica Ghinelli, segreteria organizzativa di Vivi Appennino, Matteo Bisceglie, Pres. Associazione “Salvaguardia”.

Anche a Guardia Lombardi sono stati presentati l’app CicloAPPennino realizzata da Misura e la guida ciclo turistica “Appennino Bike Tour” curata da Sebastiano Venneri edita da Mondadori. Il sindaco Siconolfi ha firmato il Manifesto per la democrazia energetica promosso da Legambiente e Kyoto Club.

Nel pomeriggio pedalata alla scoperta del centro storico di Guardia Lombardi.

«Noi viviamo in un piccolo borgo, un po’ dimenticato, ma – dichiara il sindaco di Guardia Lombardi Francescantonio Siconolfi – grazie ad Appennino Bike Tour il nostro borgo diventa protagonista. Il nostro è un paese molto accogliente e cerchiamo sempre di dare massima ospitalità. Il percorso ABT sicuramente avrà un seguito sempre maggiore, e aumenteranno, di conseguenza, anche le persone che verranno a godere delle nostre bellezze».

«Grazie all’attenzione che continua a crescere attorno alla ciclovia dell’Appennino stiamo costruendo le basi per un concreto rilancio delle aree interne – ha aggiunto Federica Ghinelli, segreteria organizzativa di Vivi Appennino – Intendiamo dare una risposta ai tanti piccoli Comuni e portare un nuovo indotto economico ed occupazionale in questi territori, permettendo lo sviluppo di queste aree. Per questo stiamo procedendo con il Ministero delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibili all’installazione della segnaletica prevista per la prossima estate: oltre millecinquecento segnali urbani ed extraurbani che identificheranno l’itinerario lungo tremilacento chilometri dalla Liguria alla Sicilia».

Le biciclette in forza allo staff di Appennino Bike Tour sono state rigenerate grazie al lavoro dei ragazzi impiegati nella cooperativa CSAPSA di Bologna, una struttura che ha l’obiettivo di formare e inserire nel mondo del lavoro soggetti vulnerabili e di salvare dalla discarica telai e componenti riutilizzabili dando loro nuova vita.

Per quanto riguarda il percorso, dopo la tappa a Guardia Lombardi (AV) e Muro Lucano (PZ), il tour proseguirà il 7 luglio ad Abriola (PZ) e Pietrapertosa (PZ), l’8 luglio a Roccanova (PZ) e San Severino Lucano (Pz).

Sempre a luglio Appennino Bike Tour proseguirà la sua pedalata lungo lo Stivale facendo tappa il 13 luglio ad Orsomarso (CS) e Sant’Agata di Esaro (CS), il 14 luglio a San Benedetto Ullano (CS) e Aprigliano (CS), il 15 luglio a Taverna (CZ) e Amaroni (CZ), il 16 luglio a Fabrizia (VV) e Santa Cristina D’Aspromonte (RC) ed il 17 luglio a Scilla (RC). Tappa poi in Sicilia il 18 luglio a Monforte San Giorgio (ME) e Antillo (ME), il 19 luglio a Montalbano Elicona (ME) e a Bronte (CT), il 20 luglio a Capizzi (ME) e a Petralia Sottana, per poi concludere il suo viaggio il 21 luglio ad Alia (PA).

Donazione sostieni il Gazzettino Vesuviano