C’è un sospettato per l’affissione di uno striscione denigrante nei confronti dei magistrati, comparso lo scorso mese di maggio davanti al palazzo di giustizia di Torre Annunziata. I carabinieri, su mandato della Procura di Roma, hanno effettuato una perquisizione a casa pimontese di Raffaele Aiello, fratello della giovane mamma Sara Aiello di Pimonte morta in circostanze ancora misteriose nel 2015.

Manifesto contro i pm, indagato a Pimonte il fratello di Sara Aiello

I militari del nucleo oplontino, insieme a colleghi della Scientifica e dell’Informatica, hanno sequestrato anche uno smartphone. Secondo quanto si apprende, Aiello è sospettato di essere il mandante delle offese alla Procura della Repubblica di Torre Annunziata, tramite manifesti affissi da ignoti davanti al palazzo di giustizia. “Stanno abusando in modo odioso del loro potere per proteggere degli assassini“.

È questo il contenuto dei manifesti apparsi fuori al Tribunale di Torre Annunziata, contro il Procuratore della Repubblica Nunzio Fragliasso e i sostituti procuratori Emilio Prisco e Alessandra Riccio. I cartelloni furono appesi per le strade del Comune.

Donazione sostieni il Gazzettino Vesuviano