A Castellammare di Stabia arriva la risposta delle forze dell’ordine e delle istituzioni, dopo l’occupazione manu militari dei parcheggiatori abusivi, nella zona dei lidi di Pozzano: nei giorni scorso è stata effettuata una raffica di multe ad automobili e scooter parcheggiati in doppia fila, dopo aver pagato l’obolo ai “re della sosta” gestiti dalla criminalità organizzata. L’operazione, su input dei commissari prefettizi, è stata effettuata dagli agenti di polizia municipale stabiesi, agli ordini del comandante Antonio Vecchione e del tenente Donato Palmieri. Almeno una ventina, secondo quanto si è appreso, le contravvenzioni elevate ai danni di automobili parcheggiate in maniera selvaggia e in modo da invadere parte della carreggiata.

Castellammare, raffica di multe contro i parcheggiatori abusivi: la guerra ai “re della sosta”

Nel mirino della task – force di Palazzo Farnese sono finiti anche numerosi scooter, parcheggiati sul marciapiede e in divieto di sosta. All’arrivo degli agenti in divisa, sono letteralmente scomparsi gli abusivi che, secondo quanto ipotizzano gli inquirenti, avevano precedentemente estorto ai proprietari di auto e scooter la tassa sul parcheggio, che a Pozzano varia dai 3 ai 5 euro. Ma il problema resta soprattutto per chi decide di recarsi a mare con lo scooter. Il Comune di Castellammare di Stabia ha infatti predisposto solamente stalli blu per le auto, mentre non sono state previste aree di sosta per i veicoli a due ruote “costretti” quindi a parcheggiare sull’ampio marciapiede: da qui le multe.

Una vera e propria task – force contro la sosta selvaggia

Ad ogni modo, le istituzioni hanno deciso di dichiarare guerra ai parcheggiatori della camorra. Una vera e propria task – force contro la sosta selvaggia e gli abusivi, quella messa in campo anche per i prossimi giorni (e per l’intero periodo estivo) di cui faranno parte (insieme ai vigili) anche i militari della guardia di finanza e gli agenti di polizia di Stato. L’obiettivo? Liberare la zona di Pozzano dall’illegalità, dando principalmente la caccia ai furbetti della sosta e agli abusivi che, ormai, stazionano in zona in maniera fissa lucrando sui bagnanti. Un dispiegamento di forze dell’ordine, quindi, per contrastare l’illegalità diffusa che per troppo tempo è stata forse tollerata.

Molte sono le multe elevate anche alle moto lasciate in sosta vietata nei pressi dello stabilimento “Maricorderia”, così come sono state multate diverse auto lasciate nelle piazzole di emergenza nei pressi del lido “La Calcina” e “La Palombara”. E anche per oggi sono previsti nuovi controlli da via Acton fino al confine con Vico Equense. La battaglia al contrasto all’illegalità a Pozzano è soltanto all’inizio.

Donazione sostieni il Gazzettino Vesuviano