Salerno: rifiuta relazione lesbo della figlia, coltellate a lei e compagna

Appena la mia ragazza mi abbraccia, lui ci prende e ripete «voglio fare 30 anni di carcere», e poi «voi volete morire insieme? E’ arrivato il momento»

111

Ha accoltellato la figlia e la compagna della ragazza perchè rifiutava la loro relazione. L’aggressione omofoba è avvenuta il 6 agosto a Salerno ed è stata denunciata dalle due giovani ai carabinieri di Crotone.

Francesca e Immacolata, la prima di Crotone, la seconda della provincia di Napoli, erano a Salerno per lavorare e così hanno raccontato quanto avvenuto: “Eravamo a Salerno a casa di una parente, perché lunedì avremmo iniziato a lavorare in un negozio. In quella casa c’erano anche mia madre e mio padre, che sapevano della nostra relazione che va avanti da più di un anno.

Quella sera abbiamo notato che era già alterato dall’alcol, e continuava a ripetere di voler prendere 30 anni di carcere. Ma non abbiamo dato peso a queste parole, conoscendolo. Ci chiede poi di uscire per prendere un caffè, ma mi accorgo che ha un coltello e inizio ad avere paura. Appena la mia ragazza mi abbraccia, lui ci prende e ripete «voglio fare 30 anni di carcere», e poi «voi volete morire insieme? E’ arrivato il momento».

A quel punto, raccontano le due donne, ha estratto un coltello e puntato Francesca, l’altra ragazza ha provato a difenderla rimanendo colpita da un fendente. “Entrambe abbiamo riportato qualche ferita – hanno aggiunto – ma siamo riuscite a scappare. Fino alle 5 del mattino ci ha inseguite e minacciate. Abbiamo denunciato tutto alla polizia che ci ha aiutato a tornare a Crotone in sicurezza. Lui ad oggi nega tutto, ma abbiamo le prove di quello che ha fatto”.

La vicenda è stata resa nota dal consigliere regionale campano di Europa Verde Francesco Borrelli, che parla di “storia folle e agghiacciante”.

Chiediamo alle forze dell’ordine di tutelarle. E’ assolutamente necessario – dice ancora Borrelli – per evitare una possibile tragedia. Inoltre chiediamo che le forze dell’ordine e la magistratura intervengano rapidamente. Nel 2022 è assurdo rischiare la vita per i propri orientamenti sessuali”.

Donazione sostieni il Gazzettino Vesuviano