L’epoca che stiamo vivendo è caratterizzata da una forte ricerca di estetica, con particolare riguardo per i segni dell’età, nemici giurati delle donne e ormai anche degli uomini. Quando si parla di aspetto estetico della pelle, è in particolare al collagene che corrono i primi pensieri.

Dai sieri alle maschere in tessuto, ogni prodotto pretende di preservare, aumentare o ripristinare la sua produzione visto che con il passare degli anni, il collagene inizia a scarseggiare causando una minore elasticità della cute e portando così ad un processo di invecchiamento.

Il collagene è un peptide proteico che comprende il 30% della massa proteica totale del nostro corpo, il che li rende la proteina più abbondante nei mammiferi; si tratta ancor più nello specifico della proteina strutturale del corpo, presente nella pelle così come nei tendini, cartilagini, legamenti e rivestimenti di ossa e vasi sanguigni. La sua presenza consente al corpo e alla pelle di mantenere la sua forma e resistere a strappi e deformazioni.

Il suo ruolo nell’organismo

A causa della sua natura fibrosa, viene spesso definito “l’impalcatura” del corpo, che sostiene e collega i tessuti e gli organi interni. Può essere immaginato un po’ come la colla che tiene insieme tutto. Tra le altre cose, il collagene è responsabile di mantenere la pelle soda, elastica e liscia, motivo per il quale questa sostanza, come si diceva, viene oggi ampiamente utilizzata in campo estetico sotto varie forme.

La sua assunzione può avvenire in molti modi, anche come collagene da bere, quindi integratore. La ricerca mostra che l’assunzione di collagene può migliorare l’aspetto generale della pelle portando marcati miglioramenti nella sua elasticità.

Proprio in considerazione del fatto che, come si diceva, con il passare degli anni la produzione naturale di collagene da parte dell’organismo diminuisce, può essere utile integrare esternamente ricorrendo anche a collagene da bere, come riporta il sito https://www.goldentree.it/.

Quale tipologia di collagene assumere?

Più per la precisione esiste una tipologia che è più adatta per essere assunta con queste finalità estetiche: si parla del collagene idrolizzato, che nasce dal processo di idrolisi termica cui viene sottoposta la proteina naturale con lo scopo di ridurla in frammenti più piccoli così da avere un minor peso molecolare.

Il tutto per aumentarne la capacità di assorbimento alimentare o da parte della cute, nel caso di assunzione topica. Grazie a vari processi di idrolisi quindi il collagene idrolizzato risulta essere più efficace per le finalità di natura estetica in quanto viene assorbito molto più rapidamente dall’organismo. E per questo motivo è consigliatissimo proprio per prendersi cura della cute, in quanto si va a ridurre la presenza di rughe che iniziano a formarsi, è bene ricordarlo, a seguito di una carenza di collagene.

Donazione sostieni il Gazzettino Vesuviano