Napoli-Lecce, gli azzurri in cerca dei tre punti: pronti Politano e Raspadori per il turnover

Dopo il pareggio contro la Fiorentina, il Napoli accoglie al Maradona i salentini: azzurri chiamati a vincere

58

Quarta giornata di Serie A per il Napoli, primo con due vittorie e un pareggio a 7 punti, che ospita allo Stadio Diego Armando Maradona un’altra neopromossa: dopo il Monza, a fare visita a Spalletti c’è il Lecce, squadra che ha dimostrato di poter nascondere varie insidie.

I salentini possono contare sul loro perno di centrocampo Strefezza, tuttofare dei giallorossi che contro l’Empoli ha anche timbrato il cartellino con il gol del pareggio, ma anche sulla pericolosa coppia d’attacco Ceesay-Di Francesco, coppia che farà difficoltà di fronte alla difesa azzurra, che però dovrà stare ben attenta ad arginarli.

E’ un Lecce che ha già messo in difficoltà l’Inter, che alla prima giornata al Via del Mare la ha spuntata solamente al 95esimo minuto, dopo un’ottima prova da parte della formazione di Baroni.

Ma il Napoli, in ogni caso, necessita assolutamente di altri tre punti, dopo il pareggio amaro di Firenze che ha frenato le ambizioni del Napoli di volare in solitaria a punteggio pieno: serve una partita giocata bene, una dimostrazione di forza da parte di questa squadra.

E peraltro adesso inizia anche un bel tour de force: fra Serie A e Champions League, fino alla gara con il Milan (fissata per il 18 settembre), gli azzurri scenderanno in campo ogni tre giorni: domani infatti Spalletti avrà modo di fare un po’ di turnover, visti i prossimi impegni contro Lazio e Liverpool.

Sono tanti i ballottaggi in casa Napoli: partiamo però dalla porta, che vede ancora la conferma di Meret. In difesa Di Lorenzo, Rrahmani e Kim dovrebbero partire tutti dal primo minuto, con il solito pari e dispari sulla fascia sinistra fra Mario Rui e Olivera. In mediana vicini alla conferma Anguissa e Lobotka, più contesa la trequarti fra Zielinski e Raspadori, con Jack che potrebbe anche ottenere una maglia da esterno. Politano stavolta parte favorito rispetto a Lozano, Osimhen e Kvaratskhelia irremovibili.

Baroni schiererà il suo Lecce con un 4-4-2 all’occorrenza 4-3-3: fra i pali Falcone, in difesa Gendrey, Pongracic e Gallo dovrebbero affiancare Baschirotto (favorito su Umtiti): a centrocampo Strefezza, che può anche passare in attacco rendendo il modulo un 4-3-3, come detto prima, Gonzalez, Hjulmand e Askildsen. In attacco conferma per Ceesay, tandem Banda-Di Francesco per completare la coppia.

Giuseppe Garofalo

Donazione sostieni il Gazzettino Vesuviano