Pollena Trocchia: omaggio all’ingegner Emmanuele Rocco

Il progettista della Galleria Umberto I di Napoli e della tratta della Circumvesuviana, nel centenario della sua scomparsa. Nel comune vesuviano Rocco trascorreva le sue villeggiature estive

61

Un omaggio ad Emmanuele Rocco, insigne ingegnere progettista della Galleria Umberto I di Napoli e della tratta della Circumvesuviana, nel centenario della sua scomparsa. È questo quanto in programma a fine mese a Pollena Trocchia, comune nel quale il Rocco trascorreva le sue villeggiature estive, con una due giorni – sabato 24 e venerdì 30 settembre – organizzata dal Comune vesuviano e dall’Ente Autonomo del Volturno.

Un occasione che servirà a celebrare il professionista e la sua opera attraverso un approfondimento sul suo lavoro e sull’epoca nella quale operò, rievocata dal punto di vista storico, giornalistico, culturale ma anche enogastronomico grazie a Liquori Borbone – Mercanti di Spirits e Luigi Caflish & C. 1825, quest’ultimo marchio iconico con 200 anni di storia, espressione dell’eccellenza della pasticceria e gastronomia artigianale ed attualmente brand in fase di rilancio.

Le iniziative – con il patrocinio della Città Metropolitana di Napoli, degli Ordini degli Architetti e degli Ingegneri di Napoli e del Parco Nazionale del Vesuvio – saranno presentate nel dettaglio mercoledì 7 settembre, alle ore 11.30, in una conferenza stampa organizzata nella sede dell’Ordine degli Architetti di Napoli (Piazzetta Matilde Serao 7, sala “Raffaele Sirica”).

Alla conferenza stampa, moderata dal giornalista Franco Buononato, interverranno Carlo Esposito, sindaco del Comune di Pollena Trocchia, Francesco Fusco, dirigente della UO Ingegneria – Direzione Infrastruttura di EAV, Leonardo di Mauro, presidente dell’Ordine degli Architetti di Napoli, ed Andrea Lizza, consigliere dell’Ordine degli Ingegneri di Napoli. Nel corso delle celebrazioni, il 24 settembre, anche l’intitolazione a Emmanuele Rocco della stazione della ferrovia Circumvesuviana di Pollena Trocchia.

Donazione sostieni il Gazzettino Vesuviano