Boscotrecase: tre arresti e sequestro da 4,7 milioni di euro sottratti ad una società fallita nel 2019

L'accusa è di bancarotta fraudolenta e sottrazione fraudolenta al pagamento di imposte. Gli arrestati avrebbero sottratto alla massa fallimentare le attività de "Il Barilotto Sri", riversandole in un'altra società avente il medesimo oggetto sociale

151

Il Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Napoli ha dato esecuzione ad un’ordinanza applicativa della misura cautelare personale degli arresti domiciliari e ad un decreto di sequestro preventivo per un importo di 4.754.991 euro, emessi dal Giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale di Torre Annunziata, su conforme richiesta della Procura della Repubblica oplontina, nei confronti di tre soggetti gravemente indiziati dei reati di bancarotta fraudolenta e sottrazione fraudolenta al pagamento di imposte.

In particolare, nell’ambito di indagini espletate nel settore fallimentare, è emerso che due degli arrestati, coniugi separati di Boscotrecase e già titolari della società “Il Barilotto Sri” – operante nel commercio all’ingrosso di prodotti alimentari e dichiarata fallita dal Tribunale di Torre Annunziata in data 17 dicembre 2019 – avrebbero sottratto alla massa fallimentare le attività de “Il Barilotto”, riversandole in un’altra società avente il medesimo oggetto sociale, la “R & F Distribuzione Sri“.

In tal modo sarebbe stato realizzato l’intento fraudolento di depauperare il patrimonio materiale della fallita e proseguire l’attività commerciale con la seconda compagine societaria – il cui rappresentante legale acerrano, ritenuto un prestanome, è anch’egli destinatario della predetta misura cautelare – quale sostanziale continuazione della prima, ma depurata dai debiti.

Le attività ispettive condotte dalla Guardia di Finanza del Gruppo di Torre Annunziata hanno consentito di accertare un’ingente distrazione di beni, il cui valore complessivo stimato – comprensivo di un immobile e quattro autovetture – ammonta a 4.754.991 euro.

Nel corso dell’esecuzione, tuttora in corso, del decreto di sequestro preventivo finalizzato alla confisca, diretta e per equivalente, le Fiamme Gialle oplontine hanno sottoposto a sequestro quote societarie, sette autovetture, sette unità immobiliari e disponibilità finanziarie riconducibili agli arrestati per un valore complessivo, allo stato, di Euro 1.711.329,81.

Donazione sostieni il Gazzettino Vesuviano